Concerti Magazine Lunedì 2 maggio 2005

Spring Jazz Festival: quarta edizione

Cinque serate all'insegna della musica Jazz. Il 3 maggio parte la quarta edizione dello Spring Jazz Festival 2005. Quest'anno si svolgerà presso il Teatro San Pietro, in piazza Frassinetti 10, a Quinto.

Nella serata d'apertura, che avrà luogo martedì 3 maggio, assisteremo al recital per due pianoforti denominato Classica & Jazz Insieme, con Luca Gualco (musicista area classica) e Dado Moroni (musicista jazz). I due presenteranno in alternanza il loro repertorio, percorrendo tutta la gamma delle possibilità del pianoforte, distillandone la potenzialità con sapiente lavoro. Quando Gualco
interpreterà una composizione di Chopin, impaginando la bellezza di un ricordo o la sofferenza della nostalgia, nelle sfumature e nei momenti in cui il “forte” va ad impastarsi nel “piano”, Moroni gli risponderà affrontando una pagina ellingtoniana ed offrendoci penetranti figurazioni ritmiche che danno l’impressione di sostare, per un attimo, sull’orlo di un precipizio, per poi risalire, attraverso una imprevedibilità di soluzioni, verso un appetibile paradiso.

Nella seconda serata, mercoledì 11 maggio, si esibirà il pianista californiano Bill Mays, accompagnato da Martin Wind, al contrabbasso e Matt Wilson, alla batteria. L'eclettismo di Mays lo ha portato ad accompagnare importanti cantanti, tra cui Sarah Vaughan, Dionne Warwick, Anita O'Day e Frank Sinatra, e collaborazioni col mondo del Jazz della "grande mela", con Ron Carter, Al Cohn, Mel Lawis, Gerry Mulligan, Clark Terry e Toots Thielemans.

Nella terza serata, sabato 14 maggio, il chitarriasta Simone Guidocci con il suo sestetto composto da Kylie Gregory alla tromba, Emanuele Parrini al violino, Fausto Beccalossi alla fisarmonica, Achille Succi al clarinetto e Salvatore Majore al basso, presenterà il suo progetto "Diango's Jungle" dedicato al chitarrista gitano Django Reinhardt.

Nella quarta serata, venerdì 20 maggio, ci sarà l'Enrico Intra Trio, con il leader al piano, Lucio Terzano al basso e Ferdinando Faraò alla batteria. Enrico Intra è un nome importante nella storia del jazz italiano ed europeo, un pianista, compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra. Propone un repertorio raffinato ed elegante di canzoni dei più celebri songwriter americani (Porter, Ellington, Mancini, Young ecc..).

Nella serata finale del festival, domenica 29 maggio, rivedremo il pianista Enrico Pieranunzi, in questa occasione affiancato da Ares Tavolazzi al basso ed Enzo Zirilli alla batteria in: Trio Reflections - riflessioni sulla quarta edizione dello Spring Jazz Festival. Il pianista romano ha registrato a suo nome più di 60 CD, esibendosi in numerosi festival internazionali. Lo scrittore e giornalista statunitense Nat Hentoff, ha scritto di lui: "Pieranunzi è un pianista d'intenso lirismo, capace di tirar fuori un'idea dietro l'altra e di disegnare linee caratterizzate da una grande chiarezza e logica interna".

Per Info
010 3760090

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Gli aristogatti Di Wolfgang Reitherman Animazione Usa, 1970 Una vecchia attrice parigina mette nel suo testamento come unici eredi, i suoi animali domestici, la gatta Duchessa e i suoi tre cuccioli. Questo scatenerà la gelosia del suo domestico che cercherà in tutti i modi di fare fuori i quattro... Guarda la scheda del film