Magazine Martedì 26 aprile 2005

Partenza, scalo e approdo

Magazine - Un viaggio poetico e musicale in tre tappe. Tre serate che accompagnano i genovesi al Festival Internazionale della Poesia, che quest’anno si svolgerà dal 10 al 17 Giugno a Palazzo Ducale.

Tre appuntamenti che esprimono un connubio tra note e versi del nuovo e del vecchio continente.
Si parte venerdì 29 aprile alle 10,00. Destinazione C’dream di via dodici ottobre. Bello come pochi, questo fratello delle navi da crociera. Talmente bello che un po’ spaventa. Sarà il palcoscenico di questi tre appuntamenti, il primo dei quali è “Yesterday and Today”. Poesia angloamericana, accompagnata dalle note del quartetto d’archi The Songlines. Beatles, Nirvana, Madonna e Britney Spears riarrangiati per violini, viola e violoncello. Claudia Pastorino e Fabrizio Lopresti leggono poesie di Ferlinghetti, Ginsberg, Kerouuac e Whitman.

La tappa successiva, “I versi del Capitano”, è programmata per il 13 maggio, sempre alle ore 22,00. Questa volta è il turno del sudamerica. Il Magnasco Quintet esegue brani di Astor Piazzola, mentre Claudia Pastorino e Fabrizio Lopresti leggono poesie di Borges, Mutis, Neruda e Storni.

L’arrivo, la terza ed ultima tappa, è previsto per venerdì 20 maggio. S’intitola “Sogno di mare” e ci riporta a Genova. I Cello Fans, un quartetto di violoncelli, e la voce di Claudia Pastorino, rivisitano il repertorio di Fabrizio De Andrè. Manrico Murzi, poeta genovese tradotto anche all’estero e Claudio Pozzani, leggono le loro poesie.

Per ulteriori informazioni
010 5483030
www.pozzani.org

di Mina Vitiello

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione