Quelli che... la tv - Magazine

Outdoor Magazine Sabato 23 aprile 2005

Quelli che... la tv

Magazine - Vi siete mai chiesti chi si nasconde dietro alle battute e alle storie che tanto appassionano gli amanti del piccolo schermo? L’autore televisivo è un personaggio dalle mille idee, che inventa un modo per far divertire, riflettere e appassionare i seguaci dei mille talk show o degli spettacoli del sabato sera.

Io ne ho incontrato uno: un genovese che, dalla Liguria, è arrivato a realizzare i propri sogni in quel di Roma. Lorenzo Fantini ha iniziato la sua carriera a Genova come collaboratore del Secolo XIX, nella cronaca cittadina: «era la fine degli anni ’80 e il centro storico era deserto. I genovesi non osavano addentrarsi in quello che era un “buco nero” all’interno della città», mi spiega Lorenzo, che allora era uno studente di sociologia all’Università: «ho deciso quindi di occuparmi di quel “posto di frontiera”. Così è nata Movida, una sorta di mentelocale.it ante litteram». Già, perché quel giornale - fondato da Lorenzo e da - veniva distribuito gratuitamente nei locali di Genova per porre in evidenza che, in pieno centro storico, esisteva una realtà tutta da scoprire.

«L’arrivo a Genova di Gad Lerner con la sua trasmissione Profondo nord è stato la mia fortuna. Lerner ha capito l’importanza del centro storico, ed è iniziata tra noi una collaborazione proseguita poi con Milano-Italia». Dal rotocalco di attualità, Lorenzo è entrato a far parte del mondo calcistico grazie a Quelli che il calcio, allora condotto da : «carino, educato, per bene. Molto vero, insomma», dice Lorenzo di Fazio quando gli chiedo di descrivermi la personalità del conduttore ligure, «insieme a Gad Lerner, è uno dei pochi che, partecipando solo a progetti in cui lui stesso crede, ha rispetto per il pubblico».
Ma in tv è tutto rose e fiori? E com’è la televisione italiana vista dal di dentro? «Una situazione unica in Europa, caratterizzata da una grande omologazione. Persino la Rai è diventata una tv commerciale… Ho collaborato con reti straniere, come France 3 e Arté, ed è tutto un altro mondo», spiega Lorenzo amareggiato: «gli italiani che oggi lavorano nel piccolo schermo non hanno più voglia di sperimentare. Nessuno propone un buon reportage o documentari. Il Reality e le vallette scosciate sono l’unico trend del momento».

Ma anche Lorenzo fa parte di quel mondo così poco dorato… «io faccio un lavoro di mediazione: non posso dire di no a tutte le proposte che mi vengono fatte. Cerco di fare cose che non mi fanno schifo, anche se spesso litigo per voler seguire la mia etica, la coerenza e il senso dell’estetica». Oggi Lorenzo lavora per la Endemol, casa produttrice di successi televisivi come il famigerato : «sono uno degli autori di Al posto tuo, una trasmissione che, da talk show, è diventata un programma sperimentale: partendo dalle e-mail che giungono in redazione, costruiamo una storia che viene poi interpretata da attori professionisti. Un genere nuovo che potremmo chiamare soap talk».
Ma Lorenzo, che oltre ad essere autore è anche regista e scrittore - ha scritto due libri-reportage per Feltrinelli - fa anche parte dello staff de Le invasioni barbariche, la nuova trasmissione condotta da Daria Bignardi su La7, «ma il lavoro di cui vado maggiormente fiero è un documentario dedicato ai transatlantici Michelangelo e Raffaello, che è andato in onda su Arté e che sarà distribuito con il Secolo XIX a fine giugno».

Ma Genova occupa ancora un posto importante nella mente di Lorenzo? «Sì, e in futuro tornerò nella mia città. Vorrei aprire un ristorante vegetariano nei carruggi», “carruggi” e non “vicoli”, sottolinea, «proporrò le antiche ricette di un vecchio frate genovese».

Nella foto, Lorenzo Fantini @ mentelocale.

Potrebbe interessarti anche: , Trogir: cosa fare e vedere nella città museo , Sempre più sportivi scelgono borracce termiche sostenibili , Vacanze a Jesolo: relax e benessere all'Hotel Nettuno , Una gita sul lago di Como alla scoperta dei borghi più belli , Estate 2019: ecco perché regalarsi un’esperienza di rafting di coppia su Liveinup

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.