Magazine Venerdì 8 aprile 2005

Col cavolo che te lo presento

Magazine - "Così dicono gli esperti. Tre anni. L'amore vero dura tre anni. Qualcosina in più di mille giorni. Dopodiché buongiorno bignola, ciao contadina".

Con queste frasi fulminanti inizia "Col cavolo" l'ultimo libro scritto da Luciana Littizzetto. L'attrice sarà a Genova martedì 12 aprile 2005 alle ore 18 (ingresso libero) protagonista insieme al suo testo al Teatro Gustavo Modena. Sul palco insieme a lei, Margherita Rubino, presidente del Circolo Buonavoglia che con Mondadori e il Teatro dell'Archivolto organizza l'incontro. Nel ruolo di divertite vittime maschili sacrificali i volontari: Franco Manzitti, Marco Salotti e Giorgio Gallione.

Non ci sono dubbi sul fatto che saranno proprio gli uomini il bersaglio di una delle più apprezzate protagoniste della comicità al femminile, capace di vendere oltre un milione di copie con i precedenti libri (già tradotti in mezza Europa), o di far impennare l'indice d’ascolto delle trasmissioni cui partecipa.

Ma la sua è una comicità fatta anche di autoironia verso il mondo delle donne, alle quali parla come un’amica vera, con complicità e perfidia, dei loro dilemmi:

"Il problema delle donne non è l'invidia del pene. Al limite, magari, la nostalgia..." E poi quadretti pungenti ed esilaranti su single col gatto e separate incattivite, o dichiarazioni d’amore e dichiarazioni dei redditi, lo smaltimento delle schegge di cioccolato dopo Pasqua e le immancabili, sempre più assurde, pubblicità degli assorbenti.

di Mina Vitiello

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Senza lasciare traccia Di Gianclaudio Cappai Drammatico Italia, 2016 Ha cercato di dimenticare, ma del suo passato Bruno porta i segni sulla pelle e sotto pelle, nascosti tra le pieghe dell'anima e del corpo, come la malattia che lo consuma lentamente. Fino a quando Bruno non ha l'occasione di tornare nel luogo dove tutto... Guarda la scheda del film