Una Pasqua da Grifoni - Magazine

Outdoor Magazine Martedì 29 marzo 2005

Una Pasqua da Grifoni

Magazine - In un turno nettamente a sfavore, il Genoa riesce a mantenere la situazione di classifica grazie al pareggio conquistato a Verona. Partita nervosa ma corretta, che vede i rossoblu prima passare in vantaggio col solito Milito, poi incapaci di chiudere il match - anche se la sfortuna ha fatto la sua parte - e quindi raggiunti dai padroni di casa. Uno a uno il risultato finale e, malgrado le recriminazioni, per Tedesco e compagni è un punto pesantissimo.

Era la prima volta che andavo al "Bentegodi", ed ero convinto di trovare una bella tifoseria con la quale potermi confrontare. Invece il pubblico veronese è stato scorretto, violento, incapace di prese in giro goliardiche, ma bravissimo a coprire di insulti gli avversari. Il clima, già dal nostro arrivo un'ora prima dell'incontro, è rovente. Ci sono scontri tra le tifoserie e le forze dell'ordine, schierate in modo esiguo per il rischio dell'evento, ricorrono all'uso dei lacrimogeni per calmare gli animi. Mi domando come mai quando a Marassi si svolgono incontri a rischio vengono chiuse le strade per tutelare gli ospiti, mentre noi a Verona siamo stati trattati come criminali. Perchè tirare i lacrimogeni a chi era fuori dai cancelli senza fare niente, contando che c'erano anche dei bambini? Che reati abbiamo commesso? E pensare che abbiamo pagato il biglietto per subire poi questi trattamenti.

Dentro lo stadio siamo parecchi e, dopo il vantaggio, lo stadio è dei tifosi rossoblu. Gli scaligeri non si fanno più sentire - se non che con qualche civilissimo ululato - fino al loro pareggio, ma sarà sempre poca cosa. La partita, senza più particolari emozioni, si avvia alla conclusione lasciandoci l'amaro in bocca per l'ennesima rimonta subita, ma con la consolazione di essere sempre più vicini alla meta.
Nel dopopartita ci sono stati ancora momenti di tensione fra le opposte fazioni, ma tutto è stato risolto. La Nord ha prodotto un bel tifo, cantando a gran voce canzoni napoletane dal momento che, per i padroni di casa, i nostri gemellati partenopei sono visti come il demonio.
Il Genoa è sempre primo in classifica, con un buon margine di vantaggio sulla terza. Il gioco, malgrado qualche difficoltà, è notevolmente migliorato dal bimestre scorso. Il campionato si sta ormai avviando verso la conclusione, e per gli uomini di Cosmi il calendario è benevolo.

Sabato 2 aprile ci sarà l'Albinoleffe ospite al "Ferraris", poi la non certo proibitiva trasferta di Trieste.
Concludo con un appello alla tifoseria: si sente già un gran fermento per le ultime due trasferte di Empoli e Piacenza. Ricordiamoci che nel mezzo ci sono Trieste, Ascoli e Crotone. Cerchiamo di essere tanti ovunque, non solo negli stadi vicini. Aiutiamo il Grifone e andiamo numerosi alle ultime trasferte di serie "B"...

Matteo Sommariva

Potrebbe interessarti anche: , Cosa non deve mancare nella tua attrezzatura da trekking , Una gita sul lago di Como alla scoperta dei borghi più belli , Estate 2019: ecco perché regalarsi un’esperienza di rafting di coppia su Liveinup , Sardegna, viaggio a Cuccureddus: un sito archeologico da scoprire , Fare surf sul Tamigi a Londra, oggi è possibile!