Magazine Giovedì 1 febbraio 2001

Ecco un primo inizio! A voi il seguito

Magazine - DANIELL ha continuato così:
...ho visto mondi che non conoscevo,ho vagato per terre deserte che ho coltivato, ho bevuto a fonti amare per la sete di sapere, ho attraversato monti freddi e feroci per arrivare a tunnel oscuri, e in fondo piccoli fuochi ardevano danzando, richiami di altri mondi...ma che coraggio raggiungerli!! Spine aguzze di spade crudeli ho dovuto attraversare, parlavano le mie ferite correndo al cuore ed il sangue rubino del dolore mi ha guidata fino all'uscita, un bagliore e poi la luce...ecco, lo vedo, un nuovo principio...al principio del cammino della mia vita...

Prosegue DERVISCIO:
...troppo forte, mi impedisce di vedere, di dormire e quindi di sognare, di volere, di continuare. Forse qui tango finalmente la prima vita, addio abitudine, seguirò gli incoerenti afflati della mia volontà, coprirò di mie subitanee intenzioni ciò che mi è davanti, dietro, il tempo non scorre più cronologicamente, ma al ritmo del mio piacere, sublime se vuoi e sempre vivido nella mia mente. Un freddo immobilizzante nel mio cervello, elude ogni rimorso o ripensamento e mi fa godere dell'attimo e non è certo innocuo, ma credo di volerne ancora.

Agenti datevi da fare. Chi sarà il prossimo?
Leggi l'articolo

di Annamaria Tagliafico

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

C'eravamo tanto amati Di Ettore Scola 1974 Guarda la scheda del film