Magazine Lunedì 21 marzo 2005

Niente blog, siamo romanzieri

Magazine - mentelocale.it (nel caso di specie, e tanto per cambiare, io) si è già occupato di . Questo però è . I miei 24mila lettori sanno che Conte è anche critico letterario sopraffino e romanziere. L’ultimo libro, Il terzo ufficiale, era una spettacolare avventura di mare, neobarocca e insieme popolare come solo il grande romanzo sa essere. Ora esce, ancora per Longanesi, La casa delle onde (Milano, Longanesi, 2005, pagg. 337, Eu 16,50), e Giuseppe Conte si confronta con Percy Bisshe Shelley, il grande romantico che cominciò a tradurre nel 1978, quando cioè tradurre Shelley era come oggi tradurre Neidhart von Reuental – non interessava a nessuno, era fuori moda.

Qui si racconta della morte del grande poeta inglese, della sua brigata a Lerici, di Lord Byron, suo ambiguo nemico, delle tante donne che circondano due fra i giganti della poesia europea del tempo. È un giallo, una storia d’amore (anzi parecchie), una difesa della poesia che parte dal Trionfo della vita che Shelley stava scrivendo proprio a Lerici, nel 1822, e non portò mai a compimento (oggi lo si trova per esempio , mentre le traduzioni di Conte sono riunite in volumetto Bur bello corposo che costa a pena 8 euri).

Il ritornello di queste pagine è preso di là: into this valley of perpetual dream, “in questa valle di perpetuo sogno”. Cosa sia la valle e in che consista il sogno, Conte lo lascia alla fantasia dei suoi lettori: che saranno molti, perché i romanzi che non menano il torrone e raccontano storie, qui in gran parte vere e solo a momenti frutto di un’invenzione sapiente (Angelo Medusei, il marinaio che è una delle voci narranti, e Annina, la sua sorella impicciona, pettegola e, s’immagina, bella di una bellezza non rifinita, ma per questo più sensuale), quei romanzi si leggono volentieri.

Giuseppe Conte ha voglia di raccontare storie e sa bene che la realtà sta piuttosto nei romanzi che nei quotidiani o nei blog: e non ha nessuna importanza che l’epoca dei fatti sia circa 200 anni fa. Il libro è in vendita dal 24 marzo, ha in copertina una tempesta del pittore olandese Hendrik Staetts (nella Casa delle onde ci sono anche tempeste memorabili). Nessun lettore mio e/o di mentelocale.it farà a meno di questo regalo di Pasqua, che oltretutto non fa ingrassare, come invece le uova di cioccolato.

Giovanni Choukhadarian

Nella foto: Giuseppe Conte

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Minions Di Kyle Balda, Pierre Coffin Animazione U.S.A., 2014 La storia di Minions inizia all'alba dei tempi. Partendo da organismi gialli unicellulari, i Minion si evolvono attraverso i secoli, perennemente al servizio del più spregevole dei padroni. Continuamente senza successo nel preservare questi maestri,... Guarda la scheda del film