Magazine Sabato 19 marzo 2005

I Racconti di Guglielmino

Magazine - Alla libreria Portoanticolibri – venerdì 18 marzo - abbiamo assistito ad un interessante incontro tra ‘Bacci Pagano’ e ‘il medico della mala’, ovvero tra Bruno Morchio ed Edoardo Guglielmino; in sostanza un incontro tra i vecchi e i nuovi carruggi - si fa per dire. In verità si è trattato di una bella riflessione sulla scrittura, sulla letteratura, sulla prosa che sa contenere la poesia.
Il libro, presentato da Bruno Morchio, è Racconti di Edoardo Guglielmino, edito da De Ferrari. Un titolo semplice che rimanda ad altri libri di Guglielmino, sempre di racconti, e sempre fatti per donarci brevi e intense emozioni fatte di momenti, di trasalimenti, di flash, di incontri improvvisi che rimandano a tutta una vita.

Bruno Morchio trova emblematico, di quest’ultimo libro, il brano Il levriero bianco. Morchio lo legge e nella lettura pare traspaia un’emozione; è la stessa che avverte il numeroso pubblico presente: un cane e la sua padrona, una solitudine e un silenzio, il bianco di un vestito e il bianco pelo del levriero…«Anch’io cercherò un bianco piccolo levriero. Forse lo ritroverò al colmo della mia notte, fra un gemito e un ululato, o, è più logico, un timido abbaiare che spezza la realtà del sogno»…poi silenzio e morte.
Poi ancora Morchio legge piccoli passi dell’ultimo racconto, il più lungo, Luana, e qui bastano brevi accenni per trasportarci in una memoria storica, collettiva, a dare corpo ad una nostalgia senza rimpianti.

Morchio chiede perchè non scrivere un romanzo... Guglielmino risponde: «Confesso di avere il respiro corto. Io ‘mollo’ i miei personaggi, mentre Morchio li segue, li cura, fa trame di lungo respiro. Io no, io scrivo di notte e certe mie notti sono brevi…io alla mattina corro alla mutua…». Qui esce il medico, ma è un’altra storia.

Così si è parlato di scrittura, evocando poeti. Edoardo Guglielmino, pur non praticando la poesia, è un grandissimo lettore e presentatore di libri di poesia; per questo pensa di possedere un record di presentazioni. «La poesia è una cosa difficile; io me ne tengo lontano». Ma intanto tutti concordano che nel fondo dei suoi racconti la poesia c’è.

Giorgio Boratto

di Giorgio Boratto

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film