Magazine Giovedì 17 marzo 2005

Pelle sporca

Magazine - È prepotente la scrittura di Manila Benedetto. Sembra che scriva col coltello fra i denti, che voglia andare a prendere il lettore per la gola mentre se ne sta seduto sul suo letto. Anzi no, lo incita a scagliare il libro (e quindi lei stessa) contro un muro, a morderle il collo, a morderle i polsi. Pelle Sporca, il suo esordio letterario - un raccolta mista fra poesie e prosa a cura Mauro Marino ed edita da Besa nella collana poet/bar - ricorda una cosa che molte volte si dimentica: il libro è un oggetto fisico, trasposizione di una persona vera, e la parola è lo strumento di comunicazione tra chi scrive e chi legge. E Manila, quando scrive, si rivolge proprio a te che leggi.

Come accenna Lello Voce nell’introduzione del libro, la scrittura della giovane writer a tutto tondo (giornali, saggi, web, libri...) appartiene ad un noir erotico, a volte violento, ma profondamente ironico e surreale (da notare la citazione di De Sade in apertura - "Vivere bene è la miglior vendetta" - e la dedica “agli uomini crudeli”).

I versi sembrano quasi una confessione (Ti ho detto “amami mondo io sono buona” e tu mi hai creduto ma io non sono buona io porto il peso del peccato nata da lui, in lui vivo forte e fragile orgasmo di vita).
A questi si alternano tre scritti di prosa in cui l’autrice si rivolge al lettore, lo stuzzica, stimola quel rapporto quasi fisico che nei versi è meno evidente (Hai avuto a disposizione il mio collo e il mio polso, ma un terrore sordo ti ha tenuto lontano da me. Cosa vuoi, il mio cuore? Allora vieni qui e prendilo).
Pelle sporca è un concentrato di veleno, distillato con sapienza e una scrittura chiara, cristallina, fulminante. Il sottotitolo del non fa che confermarlo: life is a bitch, then my blog. Io, che sono un ometto molto poco desadiano, ancora un po' schiantavo il volumetto contro il muro. Non per diprezzo o accidia. Perché ci sta, se il libro ti aggredisce, tu rispondi a tono. Non l'ho fatto perché mi sarei dovuto alzare a riprenderlo...

Studia, scrive, viaggia in continuazione Manila, e tiene una riuscitissima rubrica su mentelocale.it: . Dopo , antologia di racconti scritta da grafomani della rete (tra cui c’era anche lei), ecco la sua opera prima. Se volete vedere i suoi deliri quotidiani andate su . Ultimamente dice che è morta, anche se non si sente ancora il tanfo della decomposizione…

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film