Weekend Magazine Mercoledì 31 gennaio 2001

Sciare in neve fresca (2° parte)

Magazine - Un veloce caffè, poi Simone ci invita a proseguire (vedi articolo Leggi l'articolo ). Alla Cresta d'Arp, ora il sole è pieno, ma c'è molto più freddo e quindi la neve tiene ancora.
Questa volta puntiamo gli sci verso La Thuille, lungo il vallone Youla che si estende ai nostri piedi.
Anche questa discesa è splendida: la parte alta del vallone è da urlo. Dopo alcune serpentine ci affacciamo sui piani che sovrastano l'abitato di La Balme.
A La Balme siamo accolti dall'abbaiare di alcuni cani; oltre il paese, sulla statale, ci aspetta il taxi richiesto.
Arriviamo per la terza volta al Plan Chécrouit: sosta pranzo.
La sosta oggi sarà breve perchè Simone vuole provare a fare il trittico dell'Arp. Siamo alla Cresta dell'Arp. Per la terza volta ci rimettiamo gli sci: questa volta la traversata in diagonale dell'ampia conca sotto il colletto Youla è ripida e delicata.
Alla fine del traverso risaliamo a scaletta per una cinquantina di metri e sbuchiamo su una sella. La discesa che ci appare è fantastica, giù fino alla piana del Combal in alta Val Veny. Di fronte, maestoso, il Monte Bianco.
Questa sciata, dal colletto dell'Arp Vielle, è lunga e si percorre seguendo canaloni e valloni mozzafiato fino alle baite della Zerotta.
E' sera quando arriviamo , sci ai piedi nel piazzale della Val Veny. Ragazzi, è stata una giornata veramente particolare.

Per programmi e informazioni più dettagliate chiamate questo numero:
Tel. 0165/842064

Oppure cliccate sul sito:
www.guidecourma.com

Oggi al cinema

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film