Weekend Magazine Mercoledì 31 gennaio 2001

Sciare in neve fresca (2° parte)

Un veloce caffè, poi Simone ci invita a proseguire (vedi articolo Leggi l'articolo ). Alla Cresta d'Arp, ora il sole è pieno, ma c'è molto più freddo e quindi la neve tiene ancora.
Questa volta puntiamo gli sci verso La Thuille, lungo il vallone Youla che si estende ai nostri piedi.
Anche questa discesa è splendida: la parte alta del vallone è da urlo. Dopo alcune serpentine ci affacciamo sui piani che sovrastano l'abitato di La Balme.
A La Balme siamo accolti dall'abbaiare di alcuni cani; oltre il paese, sulla statale, ci aspetta il taxi richiesto.
Arriviamo per la terza volta al Plan Chécrouit: sosta pranzo.
La sosta oggi sarà breve perchè Simone vuole provare a fare il trittico dell'Arp. Siamo alla Cresta dell'Arp. Per la terza volta ci rimettiamo gli sci: questa volta la traversata in diagonale dell'ampia conca sotto il colletto Youla è ripida e delicata.
Alla fine del traverso risaliamo a scaletta per una cinquantina di metri e sbuchiamo su una sella. La discesa che ci appare è fantastica, giù fino alla piana del Combal in alta Val Veny. Di fronte, maestoso, il Monte Bianco.
Questa sciata, dal colletto dell'Arp Vielle, è lunga e si percorre seguendo canaloni e valloni mozzafiato fino alle baite della Zerotta.
E' sera quando arriviamo , sci ai piedi nel piazzale della Val Veny. Ragazzi, è stata una giornata veramente particolare.

Per programmi e informazioni più dettagliate chiamate questo numero:
Tel. 0165/842064

Oppure cliccate sul sito:
www.guidecourma.com

Oggi al cinema

Johnny English colpisce ancora Di David Kerr Azione 2018 Alla vigilia di un importante summit internazionale, un attacco informatico rivela l'identità di tutti gli agenti segreti britannici sotto copertura. L'unico rimasto sul campo è in pensione, non ha idea di cosa sia un'App, e si chiama "English,... Guarda la scheda del film