Magazine Martedì 8 marzo 2005

Poesie in dialetto per Genova

Magazine - Il concorso di poesia , promosso da Itinera, in collaborazione con e , ha una vincitrice: si tratta di Margherita Crasto, carlofortina, la cui poesia dialettale ha trovato unanime consenso nelle giurie coinvolte. Questo lavoro, sarà pubblicato in una raccolta di poesie di autori genovesi, della Casa Editrice Chinaski.

Il Presidente della giuria Federico Traversa, scrittore genovese, ha così espresso la motivazione che accompagna il premio: «Senza sentimentalismi eccessivi, partendo da un neorealismo ben rappresentato in poche righe, Margherita Crasto centra Genova, la sua geografia, il suo carattere, le sue radici.»

Al secondo posto, ancora una poesia dialettale: è di Cosimo Dimasi che scrive in dialetto calabrese e racconta l'esperienza dell'emigrazione e del progressivo attaccamento alla nuova terra genovese. Al terzo posto si è classificata Giulia Rinotti con la poesia dal titolo . Giulia, classe 1978, ci commenta così i suoi versi conclusivi: «...non devo andare in alto per vedere il mare, lo percepisco dentro di me, nell’aria, in un respiro. Ascolto le onde con tutte le sensazioni che mi pervadono, sensazioni che ricorderò sempre.»

Premio speciale ItineraLiguria:
, di Ernesto Sgarano

Premio speciale Chinaski Edizioni:
"Zéna", di Margherita Crasto

Premio speciale Isolapiana.com:
, di Marina Arzani

di Mina Vitiello

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film