Magazine Mercoledì 23 febbraio 2005

Il Presidente più amato dagli italiani

Magazine - Non c’è italiano che non lo ricordi con simpatia e affetto. Sandro Pertini è stato senza dubbio il presidente più amato, per la sua coerenza e rettitudine, ma soprattutto per la sua umanità. La ricetta? Essere vicini alla gente, scendere dal piedistallo (o magari nemmeno salirci) e scegliere di vivere in una sola dimensione: quella delle persone comuni. Genova omaggia "il suo presidente", in occasione dei quindici anni dalla morte, con un libro. Pertini, presidente per sempre, edito dai Fratelli Frilli (4,10 euro), è un anti-saggio: «Ho voluto che la figura di Pertini si delineasse da sé, attraverso le voci di chi lo ha conosciuto», mi racconta l’autrice Lucia Compagnino, giornalista del Secolo XIX, «l’intento era quello di scrivere un libro agile, accessibile a tutti, che mettesse in luce anche aspetti privati della vita di Pertini, episodi e caratteristiche non conosciute».

Lucia ha adottato la stessa “formula” scelta per l’altro suo libro: 30 giugno 1960. La rivolta di Genova nelle parole di chi c’era, e ha raccolto le testimonianze dei genovesi che, per una ragione o per l’altra, per breve o lungo tempo, hanno avuto a che fare con il Presidente: «la lista sarebbe stata lunga e mi sono limitata ai soli testimoni irrinunciabili per semplici ragioni di spazio», continua Lucia, «sono partita da figure di riferimento come Fulvio Cerofolini, compagno di partito e amico di Pertini, sicuramente la testimonianza più significativa dal punto di vista storico e personale, fino ad arrivare a Rina Traverso, proprietaria della trattoria favorita dal Presidente, in via Mura delle Grazie».

Accanto agli aspetti più “istituzionali”, che confermano l’immagine di uomo onesto, rigoroso e coerente ai principi di libertà e democrazia, emergono anche le sue passioni culinarie, l’amore per le donne – preferiva pranzare accanto ad una bella signora che ad un importante politico -, la sua adattabilità – dormiva su una branda nella redazione del Lavoro e, in mancanza, anche sui tavoli: «Ho dato un taglio divulgativo che mira a mantenere viva e non ingessata la memoria di fatti e persone: Pertini ha toccato corde profonde, ha colpito l’immaginario collettivo. Ne è prova il fatto che gli intervistati conservano ricordi freschissimi che mi hanno riferito con grande entusiasmo».

Il libro di Lucia Compagnino sarà presentato giovedì 24 febbraio alle 17.30 all’Auditorium di Palazzo Rosso. Modera Lanfranco Vaccari, direttore del Secolo XIX. Partecipano Alessandro Repetto, Luca Borzani, Fulvio Cerofolini, Raimondo Ricci e il Sindaco Giuseppe Pericu. Sandro Pertini, presidente per sempre sarà in vendita dal 24 febbraio in allegato al Secolo XIX e in tutte le librerie.

Nella foto: Sandro Pertini

di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione