Magazine Martedì 30 gennaio 2001

Harry Potter: che passione!

Trentun’anni a testa e una passione sfegatata per un personaggio uscito dalla penna di un’inglese, J.K. Rowling, che ha iniziato senza una lira scrivendo in un pub su un taccuino e si ritrova miliardaria, la seconda donna più ricca del Regno dopo la regina. Il 16 febbraio, Salani, l’editore che pubblica tutti i suoi libri, manda nelle librerie il quarto volume, titolo “Harry Potter - Il calice di fuoco”. Sarà un altro bestseller? C’è da scommetterci. Almeno ne sono convinti Benedetta Musso detta Nene, 31 anni, massoterapista e Andrea Nocetti, 31 anni, segretario di produzione cine-televisiva, fan accaniti di Harry Potter, bambino brutto e apparentemente sfigato, ma ricco di poteri magici.

Com’è iniziata questa mania?
Nene: Leggevo tanti articoli di giornale. Mi hanno incuriosito e ho fatto regalare a mia nipote Umberta il primo volume. Poi gliel’ho chiesto in prestito, perché lei intanto ne aveva sospeso la lettura: le metteva ansia! In effetti la figura del male fa paura: i Disennatori sono terribili e anche il Mago cattivo che cerca di uccidere Harry Potter.
Andrea: Ho iniziato dal terzo volume, quindi ho letto gli altri. Mi sono cuccato anche il quarto in inglese, ma costa un sacco di soldi e perdi tanti giochi di parole: molta dell’ironia esce infatti dai nomignoli che vengono dati ai personaggi. Ora si stanno appassionando anche i miei genitori.
Che cosa vi cattura tanto?
Andrea: E’ la fiaba classica con la lotta tra il male e il bene e colpi di scena, ma tutto si svolge in un contesto moderno, attuale. Così mentre in parte è irreale e magico intanto c’è un parallelo al mondo di tutti i giorni, il mondo dei Babbani insomma.
Nene: I Babbani siamo noi. Sì è proprio così, ad esempio ti ritrovi a Londra, a Charring Cross, ma da dove parte il treno? Dal binario 9 e ¾, quello che solo Harry con i suoi poteri riesce a vedere. Insomma il mix è perfetto.
Andrea: I due mondi convivono perfettamente. E’ forse la chiave del successo. Insomma libri fantastici che stai su di notte a leggere e non finiresti mai.
Nene : E poi ti rilassano. Io adoro i gialli o la fantasy. Mentre detesto i romanzi che mi mettono tristezza e non mi astraggono dalla realtà quotidiana. Harry Potter mi fa sognare e mi mette allegria.
Andrea : Il bello è anche ritornare ai problemi della scuola, la paura del compito, insomma risentirsi bambini.
Ma vi comprereste i gadget, tipo la statuina di Harry Potter?
Nene : Certo, ad esempio a Natale, ho regalato ad Andrea una maglietta che ho preso a Londra alla Warner & Bross con gli stemmi dell’Università dei maghi di Potter.
Andrete anche a vedere il film?
Andrea: Non ce lo perderemo di certo. Esce a dicembre in Italia e novembre negli Stati Uniti. Il casting mi sembra perfetto: un gruppo di bambini inglesi sconosciuti come attori. E so che la Rowling sta supervisionando la sceneggiatura. E’ una tosta, sembrava che lo dovesse fare Spielberg, ma siccome voleva cambiare troppo lei si è opposta. Ha una fantasia stupenda…se ne inventa di quelle. Personaggi bellissimi anche se secondari e poi il Quiddich, una specie di polo ma con le scope magiche.

Alla fine mi hanno convinto: il primo volume, Harry Potter e la pietra filosofale è sulla mia scrivania. “Sino a pagina 150 non capisci che cosa sta succedendo, poi è uno spasso.”, suggerisce Andrea. Vi saprò dire.
di Alessandra Fava

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

La dolce vita Di Federico Fellini Drammatico Italia/Francia, 1960 Roma anni '60. Massimo giornalista di un rotocalco scandalistico, si trova in mezzo ai vizi e scandali di quella che era definita "la dolce vita" dei divi del momento. Guarda la scheda del film