Magazine Lunedì 21 febbraio 2005

Le storie senza storia di Cerami

Magazine - La casa editrice Garzanti Libri, in collaborazione con il Circolo Culturale I Buonavoglia e la Banca Cassa di Risparmio di Genova e Imperia organizzano un incontro di presentazione del libro di Vincenzo Cerami La Sindrome di Tourette, Edizioni Garzanti.
Introducono Giorgio Bertone, Sergio Buonadonna e Margherita Rubino. Sarà presente l’autore.
L’appuntamento è venerdì 25 febbraio presso la Sala Porta Soprana della (Via Gabriele D’Annunzio, 105) alle ore 18.00. Seguirà un aperitivo.

Vincenzo Cerami, scrittore e sceneggiatore, ha collaborato con molti registi, ma soprattutto con Roberto Benigni e Pier Paolo Pasolini. Tra il '98 e il '99, per la sceneggiatura del pluripremiato La vita è bella (diretto e interpretato da Roberto Benigni), ha ricevuto la candidatura all’Oscar, ha vinto il David di Donatello e il Nastro d’argento. Ha pubblicato anche molti romanzi, tra cui Un borghese piccolo piccolo (1976), Amorosa presenza (1978), Addio Lenin (1981), Tutti cattivi (1981), Ragazzo di vetro (1983), La lepre (1988), L’ipocrita (1991), La gente (1993), Consigli a un giovane scrittore (1996), Fattacci (1997), Canti di scena (1999), Fantasmi (2001). Porta in giro con successo il suo affascinante recital Lettere al Metronomo (dopo Genova, uno degli spettacoli di punta al Carnevale di Venezia) e ha concluso con Benigni le riprese del nuovo film La tigre e la neve di prossima uscita.

Oggi Vincenzo Cerami è tornato al suo primo amore, la scrittura, con La sindrome di Tourette, che lui chiama “storie senza storia”: un repertorio ampio e variegato, che va dai tormenti di un amore infelice alla fiaba rivisitata e dal fantastico fino al grottesco, inserendosi nella tradizione gloriosa del racconto breve che da Boccaccio arriva fino a Moravia.
Piccolo è il punto di partenza della raccolta, perché piccoli sono i sintomi di questa malattia: tic nervosi, continuo schiarirsi la voce o soffiarsi il naso, rapido sbattere delle palpebre.

Sintomi che celano un malessere nascosto, dai disturbi ossessivi alla depressione cronica: una radiografia dell’anima credibile ma impietosa.

Nella foto: Vincenzo Cerami

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Green book Di Peter Farrelly Drammatico 2018 Tony Lip è uno dei migliori buttafuori di New York. Siamo nel 1962 e ha bisogno di trovare un nuovo impiego dopo che il locale notturno dove lavorava, il Copacabana, è costretto a chiudere. Decide di accompagnare in tour un musicista prodigio... Guarda la scheda del film