Magazine Martedì 8 febbraio 2005

In risposta a Manila

Magazine - In risposta a ...

Manila, come sempre, coglie con intelligenza e apparente semplicità aspetti significativi della realtà. L’emarginazione degli esordienti scrittori dalla possibilità di essere pubblicati, della quale Manila parla in “Suicidio della letteratura”, è una questione antica, ma vera.
Forse, è tuttavia più corretto parlare di omicidio. Non un omicidio splatter, ma in stile Corte di Maria Antonietta, con quelli fuori dalla porta che crepano di fame, mentre chi è “dentro” mangia brioches.
Ma gli assassini non sono solamente gli editori.

Spesso chi chiede un contributo per pubblicare un esordiente non è un vero editore, ma (al di là delle etichette che si dà) è solamente uno stampatore, che vende all’autore la stampa del libro e, per due soldi in più, ci mette anche una presentazione sfigata. Non c’è niente di male: questi stampatori assolvono la funzione sociale di gratificare poeti, drammaturghi o romanzieri della domenica, quindi a loro modo dispensano felicità. Uno scrittore minimamente intelligente, anche se esordiente, può capire da solo che questo è un binario morto, esattamente come un ciclista che vuole diventare professionista non si considererebbe mai tale perché si è iscritto al Trofeo Fantozzi.

Il problema è invece che, anche quando un piccolo editore crede in te e ti pubblica senza nessun contributo, il suo sforzo si infrange nell’ignavia di distributori menefreghisti e di librai attenti solamente all’ultimo libro di chiunque sia reso noto dalla televisione. Un piccolo editore “non stampatore” può ancora credere nella letteratura e negli esordienti ma, se è snobbato da chi deve vendere il libro, finisce per essere penalizzato quanto l’autore che ha pubblicato. Il piccolo editore, inoltre, non è in grado di fare grossi investimenti in pubblicità, ha spesso difficoltà a lasciare i libri in conto vendita, e non può imporre il titolo alle librerie come fanno i grandi editori, quindi, pur con tutta la buona volontà del mondo, è come un vaso di coccio sotto i cingoli di un carro armato.

La via giusta è quella di editori locali come i Fratelli Frilli che, con un impegno eccezionale, riescono a pubblicare molti esordienti, facendosi carico di risolvere in prima persona ogni problema del sistema, ma si tratta di esempi assolutamente isolati e legati alle particolari capacità di singoli individui, quindi non generalizzabili.

Torniamo così, da questuanti, sotto le mura delle fortezze dei grandi editori, che sono tuttavia alte e invalicabili, proprio perché assediate dalla massa indistinta di chi crede di aver scritto il romanzo del secolo, nella quale è impossibile distinguere chi lo ha scritto veramente da tutti gli altri. Forse, se si riesce a conoscere qualcuno nel Palazzo, potrai entrare da una porticina di servizio, ma è comunque difficile, perché nello stesso tempo il portone viene aperto, in una logica di potere poco condivisibile ma ineluttabile, per le carrozze degli amici degli amici e di chi sventola tessere di varia natura.

Così il cerchio si chiude.
Forse, per un esordiente consapevole e determinato, la soluzione è una sola: fai qualsiasi cosa per essere scelto per il Grande Fratello, quando sei in diretta ti cali le braghe e fai un proclama demenziale, poi ti incateni a De Ferrari per andare a cena con la Lecciso così ti invitano da Costanzo. A quel punto scrivi in due giorni un libro di barzellette, i grandi editori si picchieranno per pubblicarti e sarai una star con il sedere in copertina, in tutte le vetrine delle librerie.
Se farai così è possibile che dopo, se non avranno paura di infangare la tua immagine, ti permettano anche di pubblicare il tuo vero libro.

di Marco Lagazzi

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Pupazzi senza gloria Di Brian Henson Azione, Commedia, Crimine U.S.A., 2018 Guarda la scheda del film