Magazine Sabato 29 gennaio 2005

Tra fate, spade e Gollum

Magazine - In città, vive e sopravvive un’appassionata cerchia di estimatori del genere fantasy. Il loro punto di ritrovo è il Club DeA, circolo affatto élitario, aperto a chiunque voglia farvi capolino, senza distinzioni di età, benevolmente accolto all’interno delle varie iniziative della Biblioteca De Amicis.
Il Club, oltre ad organizzare intensi tornei di Magic, è particolarmente attivo nel coordinare attività legate all’illustrazione, con una spiccata inclinazione per tutti gli argomenti che gravitano intorno all’universo del fantastico.

Per due anni consecutivi, con grande dispendio di energie e di tempo, Corrado Sessalego e Laura Livi hanno organizzato una mostra legata alla saga del tolkeniano Signore degli anelli, tentando di coinvolgere la talentuosa gioventù genovese: grandi tavole realizzate con le tecniche più disparate, modellini tridimensionali in cartapesta, accurate riproduzioni della Terra di Mezzo. Il tutto supportato da didascalie in braille, per consentirne la fruizione ai visitatori non vedenti, e culminato nelle feste di Carnevale tenutesi presso la Biblioteca, con tanto di costumi a tema.
Ma non è tutto. Il Club ha partecipato a due edizioni del concorso Crea la tua carta, legato all’elaborazione di carte per giochi di ruolo, ricevendo ben due menzioni.
Ha organizzato un concorso letterario under 18, Lo Hobbit, la cui premiazione è recentemente avvenuta. Ed, ultimamente, è stato impegnato nella realizzazione di un gioco da tavolo, Aenigma, chiaramente influenzato, nei meccanismi e nell’accattivante grafica, ai più noti giochi di ruolo con le carte.
Il progetto, presentato all’ultima edizione di Lucca Comics ha ricevuto notevoli attenzioni. ”Lo volevano tutti!”, esclama compiaciuto Corrado, pater familias e moderatore delle attività del gruppo. Seppure ancora in forma di elaborato, il gioco è decisamente interessante, incentrato com’è su domande bizzarre, ispirate alle leggende dei cinque continenti. Senza dimenticare quelle sulla Terra di Mu, badate. Una specie di Trivial Pursuit del genere fantastico.
All’iniziativa sarà poi connessa, sempre all’interno della De Amicis, una ludoteca di imminente apertura: alle pareti e sui tavoli campeggeranno i figurini degli eroi del gioco, dalla tenebrosa Fata Lona, all’ingegnoso Cavalcabotte, passando per la sibillina Minisfinge.

La prossima mostra, già in cantiere, vedrà la luce in autunno, e sarà incentrata sui più importanti autori della letteratura fantasy. Non solo la Zimmer Bradley e Terry Brooks, ovviamente: quello del fantastico è un universo parallelo a quello della produzione letteraria convenzionale. É immenso ed impressionante, costituito da codici ed iconografie decisamente affascinanti, in cui lo spirito preraffaellita dell’esaltazione della cavalleria e delle leggende di impronta celtica la fanno da padrone.
Tra le attività di divulgazione del Club, infine, sta per vedere la luce la fanzine Sangraal: calderone di racconti, fumetti ed illustrazioni elaborati dai membri del gruppo.
Il Club si riunisce ogni venerdì pomeriggio, a partire dalle 17. Per trascorrere qualche ora nel mondo della fantasia.

in alto: particolare di un’illustrazione dell’artista di fama internazionale Boris Vallejo



di Stefania Pilu

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Legittima difesa [1] Di Henri-Georges Clouzot Poliziesco Francia, 1947 Guarda la scheda del film