Magazine L'ippocampo Mercoledì 12 gennaio 2005

Fare libri con stile

Magazine - Nel cuore di Genova, tra uffici e bar affollati, Giuliana e Patrick Le Noel mi aprono la porta della loro creazione, la casa editrice genovese L’ippocampo. Libri sparsi ovunque, «un ordine che non si riesce a controllare», mi dice Giuliana facendo gli onori di casa.
L’ippocampo ha due anni; il nome della casa editrice è stato scelto dai due fondatori insieme con i loro tre figli. «Un simbolo che, tra l’altro, piacque molto a quando venne a Genova a presentare il suo libro », mi racconta Patrick durante la nostra chiacchierata. Germaine, femminista da sempre, fu felice di scoprire che in natura l’ippocampo è l’unico animale la cui femmina non depone le uova. Un maschio incinto, insomma.

Ma cominciamo a parlare degli inizi. Dalla Francia all’Italia. Come è cominciata l’avventura?
«Ho sempre lavorato nell’editoria, in , ad esempio, ma ero nella parte commerciale, ed ho sempre amato l’Italia. Vi venivo fin da ragazzo per cercare dei libri. Piano piano mi sono spostato verso Genova, prima abbiamo vissuto a Varese, ma ho scelto Genova perché la ritengo, dopo Roma, una delle città più belle che conosca, non solo per il clima che per Giuliana è molto importante - io lavoro bene sia con il sole che con la pioggia - ma soprattutto per le sue multiculture, le multietnie, per il suo porto da dove parte il viaggio».

Vogliamo parlare della collana Kimono? La trovo molto interessante...
«È stata inaugurata col libro di una scrittrice francese che siamo fieri di aver fatto conoscere in Italia insieme a Sellerio. Si tratta di Edith de la Héronnière con Dal vulcano al caos – Diario siciliano. Fieri anche che Elvira Sellerio ci abbia fatto i complimenti per la veste grafica di questa collana. Per ogni copertina di questa collana io scelgo un quadro, lo dispongo dalla copertina al dorso fino alla quarta dove non faccio scrivere nulla, né il riassunto del libro né il codice a barre, perché il libro possa essere così anche un oggetto di design».

Parlatemi del libro e di Edith de la Héronnière.
«Un racconto di un viaggio interiore sulle tracce di un amico scomparso che dà l’occasione di partire per trovare se stessa attraverso un nuovo sguardo sulle cose. Così sarà lo spirito anche delle prossime pubblicazioni di questa collana di cui, tra l’altro, Edith è diventata la direttrice. Edith sarà presente al Festival della letteratura di Mantova quest’anno ed è sempre per "L’ippocampo", in traduzione, una sua biografia del filosofo francese Teilhard de Chardin, di cui questa Pasqua cadono i 50 anni dalla scomparsa. Teilhard de Chardin, insieme a Sartre, fu negli anni Cinquanta un filosofo cristiano che fece molto discutere e il libro di Edith ne porterà in luce, attraverso alcune lettere, l’aspetto più intimo ed umano».

Ci sono dei volumi del vostro catalogo di cui andate particolarmente fieri?
«Sì, sicuramente Offerte 365 pensieri di maestri buddisti e Saggezze 365 pensieri dei maestri dell’India, entrambi di Olivier e Danielle Follmi. Due libri-regalo per l’elegante confezione con cui si presentano, ma anche per lo spirito con cui sono nati nella collana Offerte dell’Umanità. Questi due volumi hanno raggiunto ne Il giornale della libreria, un giornale per noi addetti ai lavori, i primi posti nella classifica dei libri illustrati. Saggezze quest’anno è al primo posto. Ci piace l’idea che ha Olivier Follmi della fotografia, come fosse un’illuminazione. Per questo motivo accanto ad ogni foto c’è un pensiero per ogni giorno dell’anno e all’inizio del libro un indice come fosse un percorso, una guida».

Un libro deve essere elegante per te, vero? È in voi una forte propensione per la bellezza?
«La bellezza - diceva Dostoevskij - salverà il mondo. E penso che la bellezza debba essere di tutti, per questo la nostra politica è un prezzo accessibile per un lavoro di qualità. Io credo che la forma sia tutto: sono un contemplativo, sì, ma non ho un’idea superficiale della bellezza. È la cura, l’eleganza che mi piace. Scelgo la carta più bella per alcune nostre pubblicazioni, perché sia piacevole durante la lettura al tatto, agli occhi».

So che hai un rapporto molto speciale con i librai...
«Sì, sono loro che mi fanno conoscere. Preferiamo non avere distributori ma andare direttamente dalle librerie, perché possano loro stessi amare ciò che presentiamo».

Ed è vero, è cosi che ho conosciuto Patrick e Giuliana, attraverso la libreria Porto Antico di Genova, che mi ha portato alle loro pubblicazioni. Prossimamente regalerò alle amiche un libro speciale di ricette: Venti donne -Cento ricette dal mondo di Isabelle Rozenbaum e Cécile Maslakian, dove le ricette si accompagnano a meravigliose foto nell’atto della preparazione, e la sacralità del gesto nell’atto della preparazione mette in luce la ritualità di ogni cultura. Sulla scia di questa pubblicazione uscirà presto un libro di ricette dal Senegal del famoso Youssun N'Dour. Ma sono tanti i libri che mi piacerebbe far conoscere di questa casa editrice elegante e colta. Anche quelli per ragazzi, L’avvenire della terra e la Terra raccontata ai bambini. Del primo colpisce la copertina, di questi tempi soprattutto, dopo un'alluvione monsonica un vecchio e un bambino stanno su un giunco e guardano in alto il fotografo – Yann Arthus Bertrand - che li coglie nella loro precarietà funambolica.
«Un compito editoriale che è anche di militanza», per questo ci piace L’ippocampo.

Marina Giardina

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film