Magazine Martedì 21 dicembre 2004

La poesia del deserto

Magazine - Giochi color ambra, giochi di parole e giochi dei ricordi. È questo il filo conduttore della raccolta di poesie di Daniela Pederzolli che verranno raccontate nell’eno-libreria , mercoledì 22 dicembre alle ore 18.30, da Marina Giardina, collaboratrice del sito mentelocale.it. L’autrice è una giovane genovese alla sua prima esperienza editoriale.

Il libro, Giochi color ambra, nasce da esperienze di vita vissuta nel Nord Africa, di viaggi nostalgici dei luoghi dell’infanzia, di atmosfere cercate e riscoperte in un viaggio dentro sé stessa e attraverso i suoi ricordi.

Daniela si fa sensibile interprete di un mondo che ruota intorno ad un indomito popolo le cui origini sono da attribuirsi alla zona del bled marocchino, dell’Atlas e del Sahara. Le poesie diventano emozioni profonde dettate dalla sensibilità della scrittrice che ricorda i suoi luoghi d’infanzia attraverso i colori, gli odori e i sapori della magia d’oriente.
Ci sono anche piccoli disegni naif che ricordano ingenue, quanto mistiche, evocazioni del deserto e che mostrano con gli occhi della sua mente questa sconfinata e ondulata distesa e il suo popolo misterioso: i Tuareg.

Gli "uomini blu" che chiamano il deserto il "gigante addormentato" e questo gigante è attraversato dalle carovane del sale, testimonianza della sfida dell’uomo contro l’ambiente avverso parole ed immagini che ci portano nella zona presahariana dei Ksar di Erfoud, Merzouga e Ourzazate.

Claudia Lupi

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Il deserto rosso Di Michelangelo Antonioni Drammatico Italia, 1964 A Ravenna, ridotta a deserto industriale, una giovane borghese nevrotica, moglie di un ingegnere, cerca vanamente un equilibrio, si fa un amante e vaga senza trovare soluzione alla sua crisi.  Guarda la scheda del film