Magazine Lunedì 20 dicembre 2004

La ricetta Biamonti

Magazine - A Francesco Biamonti, grande scrittore di questo estremo lembo etc., piaceva mangiare e bere bene. Ha vinto pochi premi letterari, in vita, ma uno gli deve aver fatto più piacere: il Grinzane Cavour, aggiudicato nel ’95 (il supervincitore fu un altro, di cui si è persa memoria: il suo nome compare comunque nel sito del ).

A quasi 10 anni da quel giorno fausto, , presidente del premio, Gianni Giuliano, presidente della Provincia e il Comune di Sanremo hanno deciso che Biamonti andava ricordato. Mica bastava l’ampio convegno dell’autunno scorso, che oltretutto non è stato ancora pubblicato in atti e sa il cielo quando mai lo sarà. Ai grinzanesi e ai locali è sembrato meglio, più consono al tratto dello scrittore, premiare intanto, con il primo premio Grinzane Cavour-Biamonti, un autore noto, ma non celeberrimo (il magnifico Bjorn Larsson, della Vera storia di Long John Silver e della Saggezza del mare), istituire due buone tavole rotonde e poi, soprattutto, e stavolta nessuno si lamenti, mangiare come a Francesco sarebbe piaciuto.

Qualche anno fa, nel 2001, Biamonti fu invitato in una manifestazione della Comunità Montana Argentina Armea. Si chiamava e invitò da queste parti un parterre de roi da urlo: Antonio Ricci, Ernesto Ferrero, Giorgio Bertone, , nientedimeno . Sì che son tutti amici fra di loro, ma prenderli in una volta sola non è roba che succeda ogni giorno.
Quel sabato lì, a Badalucco, Biamonti non c’era. Due sabati prima, però, aveva incantato lo scelto pubblico nella Pieve romanica di San Giorgio, a Montalto, e poi era sceso con la carovana del premio a fare abbondante colazione in un prestigioso ristorante di Arma.
Oh se era contento! E spiegava ai foresti e agli indigeni tutto quello che sapeva (cioè molto) dell’olio ponentino e dell’oliva taggiasca.

Allora, un bel convegno, sì: non ci voleva molto a indovinarlo, dal Grinzane nascono i fior e si adunano le genti (sabato pomeriggio villa Nobel era strapiena e domenica mattina, nel gelo della sala polifunzionale di San Biagio della Cima, ci saran state 250 persone come minimo). Soprattutto, però, il mangiarebere ponentino. La cena di sabato l’ho saltata: i miei 24 lettori (, presentatore del Tenco e preside di liceo lombardo, oramai mi diserta) sanno che ho anche incombenze giornalistiche. Domenica all’una, però, nell’osteria di San Biagio, si sono apprezzati squisiti raviolini di erbette, burro e salvia, uno spettacolare coniglio al Rossese di Dolceacqua e tanti buoni, parchi antipasti non per forza del luogo.

A mangiare c’erano quasi tutti: mancavano, più che giustificati, Emilia Lodigiani e il fratello Marco, cioè l’editrice e il recente postfatore di Larsson, e Boris Biancheri, il superimpegnato presidente di quasi tutto in Italia (così a memoria: la Fieg, l’Ansa, la Marsh and co.- e tanto altro).
Delle comunicazioni, tutte di alto livello, resta in mente quella di Giorgio Bertone. Con una richiesta: è troppo bravo, ora la smetta, altrimenti per noialtri restano le briciole e le brutte figure.

Del pubblico, ha brillato per efficienza Federica Minnai, normalista ex Guanda e ora Grinzane e domani chi lo sa, magari vicepresidente del Csm (ma si è laureata in storia, forse non ce la fanno andare). Ha colpito molti, per i silenzi diurni, Katia De Marco, traduttrice di Larsson e svariati svedesi. È una giovinetta d’area lombarda ma residente in Sardegna e porta a spasso, con genuina nonchalance, la sua figurina affatto biamontiana.
Perché, gentile lettore che sei rimasto fino a riga 59, anche a questo servono i convegni: ad andare in giro, fare cose, vedere gente. Adesso Natale riporterà tutto quanto in ordine – ma non si vede l’ora che qualcuno indica un altro premio, no?

Giovanni Choukhadarian

Nella foto: Francesco Biamonti

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Freaks Di Tod Browning Horror Usa, 1932 In un circo dove vengono messi in mostra terrificanti fenomei da baraccone, la bella e cinica Cleopatra, progetta di uccidere il suo futuro sposo, il nano Hans, per poi impossessarsi dei suoi averi. Ma i colleghi di Hans, chiamati "freaks", la scoprono... Guarda la scheda del film