Quegli alieni campioni di incassi - Magazine

Cinema Magazine Giovedì 9 dicembre 2004

Quegli alieni campioni di incassi

Magazine - Il primo febbraio 2005 l’Accademia del Cinema Italiano, sotto il patrocinio della Presidenza della Repubblica Italiana, ha ammesso Invaxön - Alieni in Liguria, opera prima dei Buio Pesto, alle selezioni del prestigioso Premio David di Donatello.
Si tratta di un risultato molto importante, che premia gli sforzi compiuti in sette anni di lavoro dalla produzione, dal cast e dallo staff per un nobile scopo benefico: aiutare l’Associazione Italiana Sindrome X-Fragile. È stato il grande incasso e la lunga permanenza nelle sale cinematografiche, anche se solo in Liguria, ad interessare l’Accademia, che ha ammesso “Invaxön” alle selezioni. La proiezione per la giuria, che sarà composta da una selezione dei 1077 giurati, avverrà martedì 7 marzo alle ore 21 presso la sala cinematografica Agis di Roma.
In seguito i giurati, dopo aver visionato tutti i 70 film, designeranno cinque candidati per ogni categoria (la cosiddetta “cinquina”).

InvaXön – Alieni in Liguria è il primo film interamente italiano di fantascienza. L’intera regione si è mobilitata per realizzare il film ideato dai . Il cast interamente ligure e i grandi numeri coinvolti nella lavorazione ne fanno già un piccolo kolossal. Tra gli attori, Franco Malerba, Dario Vergassola, Roberto Mancini, Bruno Lauzi e molti altri vip di casa nostra che hanno recitato gratuitamente insieme ai 250 attori e alle 41.000 comparse. Tutti uniti da un’ambiziosa sfida: debellare una terribile malattia genetica.

L’immaginaria cronaca degli avvenimenti legati allo sbarco in Liguria degli extraterrestri è stata prodotta, realizzata e interpretata esclusivamente da liguri. Costato solamente 135.000 Euro - contro un valore stimato di 2.200.000 - grazie alla partecipazione gratuita di tutti i collaboratori, il film diretto dal leader dei Buio Pesto Massimo Morini e dal regista televisivo Enzo Pirrone ha coinvolto anche 23 personalità del mondo dello spettacolo, dello sport e della televisione, che hanno partecipato con entusiasmo al progetto.

Il film è stato realizzato grazie al contributo di enti pubblici e sponsor privati. Si può dire che tutta la Liguria si è mobilitata per aiutare i Buio Pesto, rendendo così omaggio all’intera regione senza dimenticare la solidarietà, come è abitudine della celebre rock band dialettale. Il film, infatti, si propone l’ambizioso obiettivo di favorire la prevenzione della sindrome dell'X-Fragile, la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down e la più frequente tra quelle ereditarie. La sindrome, detta anche di Martin-Bell, colpisce i figli di inconsapevoli portatrici sane ed è, come tutte le malattie genetiche, irreversibile. L’unico modo per debellarla è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di individuare preventivamente i sintomi della sua presenza attraverso uno specifico esame medico.

La trama vede lo sbarco a Genova di un plotone di extraterrestri. Dopo un pacifico incontro e un reciproco scambio di cordiali rapporti, all’improvviso gli alieni rivelano le loro mire di conquista assediando Genova e distruggendone i monumenti-simbolo, dalla Lanterna al Porto Antico. Nel panico generale, un piccolo gruppo di persone comuni ideano un piano per segnalare l’avvenuta presa di potere aliena al primo equipaggio di astronauti liguri, da qualche giorno alla NASA per la prima missione spaziale ligure. Senza indugio, gli astronauti decollano con lo Space Shuttle per soccorrere la Liguria.

Nel film, girato in parte negli Stati Uniti, al Kennedy Space Center di Cape Canaveral, grazie alla collaborazione della NASA ottenuta tramite il primo astronauta ligure, Franco Malerba, si vedrà anche Fortunato Zanfretta, il più noto protagonista italiano di contatti con civiltà extraterrestri. Catalogato dal governo americano come “X-File”, il metronotte genovese ha avuto, dal 1978 ad oggi, 11 presunti incontri con gli alieni ed è in attesa di un contatto finale. In “InvaXön” interpreta se stesso, ripercorrendo la storia dei suoi incontri e dei suoi tentativi di trovare ascolto di fronte allo scetticismo dell’opinione pubblica.
Accanto a Zanfretta e a Malerba, a dare il volto a un manipolo di coraggiosi che si ribellano alla dominazione aliena ci sono Andrea Possa e Marco Rinaldi dei Soggetti Smarriti, e la splendida Marika Ceregini (Miss Liguria '99) nel doppio ruolo di astronauta e guardia del corpo.

Potrebbe interessarti anche: , Bohemian Rhapsody: non la solita recensione del film sui Queen , Gli incredibili 2 e Bao ad Annecy 2018 e a settembre al cinema , Ralph spaccatutto: il sequel ad Annecy 2018 e al cinema , Festival di Annecy 2018: vincitori e premi. C'è anche l'Italia , L'animazione impegnata al Festival Annecy 2018: da Another Day of Life a Funan