Magazine Lunedì 6 dicembre 2004

Bacci Pagano sempre protagonista

Magazine - Dopo la presentazione avvenuta nel mese di ottobre, ecco venerdì 3 dicembre alla Libreria Portoanticolibri, una nuova presentazione di . D’altronde, visto il successo del libro e del personaggio Bacci, parlarne è sempre un piacere. Il pubblico poi, non manca mai.
Questa volta a raccontarci del libro e del suo autore è lo psicoterapeuta Gianni Guasto e lo fa da un suo particolare e privilegiato punto di vista: è, oltre che collega, un amico di Bruno Morchio. Anzi, Guasto ci tiene a precisare che di Bacci Pagano è il critico e lettore in anteprima.

Così è bello sapere che la passione per la pesca dei boniti – piccoli tonni - unisce Gianni a Bruno, quindi i riferimenti al Il vecchio e il mare di Hemingway diventano scontati; così come i consigli e le ricette gastronomiche date da Gianni all’amico, che diventano l’arte culinaria di Bacci Pagano, avvicinato così al Pepe Carvalho di Vazquez Montalban. Ma questo - precisa Morchio - è forse l’unico riferimento: per il resto Pepe Carvalho non assomiglia per niente a Bacci Pagano.

Guasto, da psicologo qual è, indaga non solo la trama del libro noir ma anche quella dell’anima; dato che si parla di un autore e di un personaggio di successo le ragioni per l’indagine sono molte. Innanzi tutto c’è la componente erotica, la carnalità, la fisicità con gli aspetti amorosi delle cinque donne che circondano Bacci Pagano: Zainab, la colf; Clara, l’ex moglie; Aglaja, la figlia; Julia, la cliente indagata; Mara, la nuova fidanzata e, guarda caso come l’autore, psicoterapeuta infantile. Con tutte queste donne i rapporti sono alquanto problematici dato che Bacci è in fondo un solitario.
Infine c’è il dolore. Il dolore con cui confrontarsi: lo stesso che Morchio affronta nel suo lavoro di psicoterapeuta; il dolore della tragedia che c’è anche nel racconto di Bacci Pagano.
Gianni Guasto ironizza sul successo di Morchio: spera che non ne abbia, o almeno che non si monti la testa, "si perderebbe un bravo psicoterapeuta infantile". Proprio lui, Bruno, che laureatosi con Sanguineti in letteratura decise poi di lasciare i libri per interessarsi delle persone. Ma Morchio, tranquillizza Guasto: i suoi pazienti gli mancano e non lascerebbe mai il suo lavoro.

Prime domande dal pubblico: quanto c’è di Bruno Morchio in Bacci Pagano? C’è tanto nel disincanto, nella passione. Non c’è niente nell’azione; poi in Bacci Pagano c’è l’antinarciso, in chi scrive un libro invece un po’ di narcisismo c’è.
Come mai in Liguria, e a Genova in particolare, ci sono più poeti che romanzieri? Morchio è deciso: perché con la poesia si risparmia e si fa prima a dire le cose.
Adriana Albini, tra il pubblico, domanda a Morchio come e quando scrive: «Scrivo grazie al personal computer. Il pc aiuta molto: si può cancellare, correggere, conservare. Scrivo nei momenti in cui posso concentrarmi. Scrivo al sabato e la domenica. Scrivo partendo sempre da un elemento concreto, da un paesaggio, un luogo; da lì si sviluppa un nucleo narrativo, una situazione concreta…».

Giorgio Boratto

di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film