Magazine Mercoledì 1 dicembre 2004

Dal Clipper alla Liberty

Ricordo il comandante Aldo Baffo alla presentazione del libro di Sbisà, e giovedì 25 novembre l’ho ritrovato a Palazzo San Giorgio, con il suo libro: Dal Clipper alla Liberty, che parla di navi che hanno preceduto quei transatlantici passeggeri chiamati i colossi del mare. Aldo Baffo racconta nel suo libro l’epopea, che attraversa oltre un secolo, delle navi mercantili più famose e importanti della storia della navigazione: i clipper e i liberty; appunto.

A presentare il libro erano presenti, oltre che l’autore, tre ex comandanti di navi: Decio Lucano, Giuseppe Longo e Augusto Meriggioli. Uomini che “sanno di sale”, che hanno dato anche un loro contributo alla letteratura marinara, che in Italia a differenza dell’America è ancora scarsa. Capitani Coraggiosi.

I clipper e le liberty sono le navi mercantili simbolo dei traffici marittimi. La loro riuscita e importanza si deve all’inventiva di americani e inglesi. I liberty poi segnarono molti record: furono le prime navi assemblate con la saldatura e si arrivò, costruendole in ‘catena di montaggio’, ad averne una in 4 giorni. Incredibile, se si pensa che, costruite per ‘one trip’, per un solo viaggio utile a portare derrate alimentari e materiale bellico, per fornire i soldati americani impegnati nell’ultima guerra mondiale, alcune furono utilizzate sino al 1967. Navi umili che si accompagnavano allo spirito che deve avere il grande marinaio. Le liberty erano definite le “navi dei barbieri”; navi che seguivano la scia di altre navi uguali, come un rimorchio, per cui bastava un solo capitano a tracciare la rotta. Navi che hanno viaggiato per oltre 25 anni e si distinguevano per velocità, robustezza e naturalmente per longevità.
Bisogna poi ricordare che queste navi servirono dopo la guerra a dare lavoro a tutti i marittimi; con queste navi si costituirono le prime compagnie di navigazione e grazie a loro si incominciò a ricostruire la nostra marineria distrutta.
L’ex comandante Meriggioli ricorda diversi aneddoti riferiti alle liberty: una sua evoluzione - la T2 - diventerà nave ‘autostivante’: la nuova merce sono i passeggeri che si stivano da soli.

Meriggioli, ci parla anche della tecnologia empirica che accompagnava i marinai di allora. Alla scuola navale veniva insegnato il ‘paglietto lardato makaroff ‘, ossia un sistema per turare piccole falle con pezze verniciate all’esterno. Mai servita. Eppure guai a non saperla. La tecnica oggi ha preso il sopravvento, è tutta elettronica: è un altro mondo. A quei tempi la nave era conosciuta fino all’ultimo chiodo.

La gerarchia poi era solo quella dei ‘culi’, ovvero: un cesso diverso tra capitani e marinai. Molti gli aneddoti e i ricordi di quel mondo marinaro vengono illustrati da Decio Lucano e Giuseppe Longo: vite per il mare; vite di passioni e amore per quel lavoro, che a riguardarlo con gli occhi di oggi sembra davvero impossibile.
Baffo spiega anche perché i clipper diventarono sempre più impiegati e veloci: il raccolto del thé dall’Asia doveva raggiungere al più presto l’Inghilterra; con questo si determinava il prezzo di mercato oltre che la qualità di un thè appena raccolto, di stagione. Una gara affascinante che ha visto battere record su record, sulla rotta dalle indie verso Plymouth.

Aldo Baffo
Dal Clipper alla Liberty
Fratelli Frilli Editori
Prezzo 15,00 Eu

Giorgio Boratto
di Giorgio Boratto

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Crazy & Rich Di Jon M. Chu Commedia, Romantico U.S.A., 2018 La newyorkese Rachel Chu accompagna il suo fidanzato di lunga data Nick Young al matrimonio del suo migliore amico a Singapore. Emozionata perché visiterà l’Asia per la prima volta, ma nervosa perché conoscerà la famiglia... Guarda la scheda del film