Web ergo sum - Magazine

Attualità Magazine Giovedì 25 novembre 2004

Web ergo sum

Magazine - Il suo hobby principale è la Rete. È , autore del libro Web ergo sum, che è stato presentato oggi, giovedì 25 novembre, presso la libreria Feltrinelli di via XX Settembre.

Ma lo scrittore non era solo: ad accompagnarlo è stato infatti un personaggio che i genovesi conoscono bene. arriva nella piccola sala a modo suo: scapigliato e con quella voce inconfondibile è difficile non notarlo. A parlare per primo è Casaleggio: «La Rete è un antidoto alle dittature e riguarda tutti noi: chi resta fuori dal processo sarà emarginato». I diritti d’autore del libro verranno devoluti ad Amnesty International: «prima della nascita di Internet, la diffusione delle informazioni era difficile», spiega il rappresentante di Amnesty ad un pubblico accorso numeroso, «questo accadeva, in particolare, in quei paesi dove non c’è libertà di parola», e dove la Rete è un pericolo per i governi. «Un paese di cyber-dissidenti è la Cina, che non permette la diffusione di notizie “scomode”, pena il carcere e la repressione. E dove tutto viene filtrato».

Poi la parola va a Grillo, che del libro ha scritto la prefazione: «Mi ha incuriosito», esordisce. E poi spara a raffica. Sulla legge Urbani (quella che riguarda la condivisione di un file), innanzi tutto: «chi non la rispetta rischia quattro anni di carcere: questa è una mancanza di libertà. E poi sapete chi l’ha fatta?», chiede Grillo al pubblico. «Una delle sorelle Carlucci! Quella più scarsa, tra l’altro...». Parte la risata, non se ne può fare a meno.
Il mondo politico resta in primo piano: «La politica non esiste più, così come la democrazia: due parole che oggi hanno perso il loro significato». Il pubblico si sente coinvolto, e partecipa al "monologo" di Grillo: «Certo che finchè c’è Berlusconi…», si sente gridare dalla prima fila. «Lui è semplicemente un effetto collaterale», risponde Grillo: «esiste solo perché oggi la sinistra è quella che conosciamo».

E ce n’è davvero per tutti: Prodi? «il maggior esperto di pacchi bomba in Europa», Fassino? «Ma se ha, al massimo, quattro globuli rossi in tutto il corpo…». Insomma: «dobbiamo darci una svegliata!». Ma chi sono per Grillo i maggiori utenti di Internet? «Gli anziani: hanno più tempo, dormono poco ed hanno più soldi dei giovani... soprattutto dopo la legge sulle pensioni!». Beppe Grillo confessa di usare Internet, ma ribatte che «"cliccare" non ha niente a che vedere con la tecnologia. In futuro, magari, potremo parlare con il computer, e sarà tutto più semplice» Poi conclude: «solo quando tutti saranno in grado di usare Internet si potrà davvero parlare di democrazia».
Infine, non potevo che consigliare a Beppe Grillo di visitare il nostro mentelocale.it: ha promesso che lo farà.

L'appuntamento con Beppe Grillo è a gennaio, con il suo nuovo spettacolo, nel corso del quale il comico si occuperà proprio di Internet; in collaborazione con Casaleggio, naturalmente.

Nella foto, da sinistra: Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo

Potrebbe interessarti anche: , La modernità nel mondo dei piatti doccia , Veicoli commerciali: tutti i vantaggi del noleggio , Volotea e Dante Aeronautical progettano un aereo ibrido-elettrico per brevi rotte , Volotea festeggia i 25 milioni di passeggeri con Viaggio su Marte e offerte , Offerta di lavoro: mentelocale.it cerca giornalisti e web content editor