D.verse abilità in due iniziative - Magazine

Teatro Magazine Giovedì 25 novembre 2004

D.verse abilità in due iniziative

Magazine - Volge al termine il Primo Festival Internazionale del Teatro per le Diverse Abilità con un gran finale: un convegno e la performance/seminario Emplacement Reservé del Teatro dell'Oppresso di Parigi condotto da Rui Frati.

Il convegno apre i lavori al Teatro Modena domani, venerdì 26 novembre, alle ore 9.30 con i saluti autorevoli e un interessante ciclo di Videoproiezioni di percorsi laboratoriali e di frammenti degli spettacoli della rassegna. Segue una prima serie di interventi di Maria Paola Ferrigno (Responsabile N.O. Centro Studi per l’integrazione lavorativa delle persone disabili ASL 3 “Genovese”) su "Il luogo dell’incontro"; Gaetano Oliva (Facoltà di Scienze della Formazione Università Cattolica di Milano) su "Educazione alla Teatralità: una proposta di formazione" e Cristina Valenti (Corso di laurea in Dams Università degli Studi Bologna) su "Teatro della vita e nuovi linguaggi della scena" moderati da Eugenio Buonaccorsi (Università degli Studi di Genova).

Dopo la pausa caffé, la parola va agli artisti Ascanio Celestini, Rui Frati, Tiziano Scarpa. Questo il programma della mattinata, mentre nel pomeriggio, a partire dalle 14.30, si terrà una Tavola rotonda moderata da Cristina Valenti, a cui prenderanno parte: Sandro Baldacci (regista), Mirco Bonomi (attore e regista), Roberto Gandini (regista), Maria Federica Maestri (regista), Mauro Pirovano (attore), Enzo Toma (regista), Antonio Viganò (regista). Chiude i lavori l'intervento del regista Daniele Segre su “Il cinema utile”, corredato dalla proiezione del mediometraggio: A proposito di sentimenti.

L'atto finale di questo Festival è affidato allo spettacolo di Rui Frati alla Biblioteca ex Ospedale Psichiatrico di Quarto (Ge) - info 010 889995 - liberamente ispirato al testo omonimo di Corinne Jamar e adattato da Leo Frati. Le disavventure di una madre "speciale" a causa delle circostanza che coinvolgono sua figlia, bionda ragazzina nata con "delle gambe che non la portano" ed un IQ "pas testable".


Restando in argomento, segnaliamo un'altra iniziativa dedicata alle diverse abilità che in questo caso si rivolge allo sport. Si tratta di Giochiamo insieme, una manifestazione provinciale del diversamente abile.
Nell’Anno dell’Educazione attraverso lo Sport, l’assessorato allo sport della Provincia di Genova, in collaborazione con Il centro sportivo e FISD, organizza presso le strutture di Via S. G. Bosco – 14r una manifestazione articolata:
4 dicembre 2004: convegno sul tema sport e disabilità, rivolto soprattutto ai giovani, con il titolo “Dalla realtà territoriale alle Paraolimpiadi”, con qualificati esperti del settore e con l’intervento di numerosi testimonial, olimpici e paraolimpici, che hanno riscattato la loro vita, privata della normalità, attraverso lo sport, rendendola quindi più degna di esser vissuta.
11 dicembre 2004: “Giornata Sportiva Giochiamo insieme”, durante la quale gli atleti diversamente abili genovesi avranno a disposizione le strutture dell’Istituto Don Bosco dalle ore 10 alle ore 18.30, per dare prova delle loro capacità sportive individuali e di squadra. Ognuno praticherà la propria disciplina misurandosi e gareggiando non solo tra loro, ma anche con atleti normodotati.
A premiare gli atleti saranno anche, in questa giornata, campioni sportivi olimpici e paraolimpici.
4-12 dicembre 2004: mostra fotografica con scatti realizzati dalla nota fotografa Margherita Loewy durante le ultime Paraolimpiadi di Atene.

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin