Concerti Magazine Mercoledì 17 novembre 2004

TIROMANCINO: ILLUSIONI PARALLELE

Magazine - TIROMANCINO: ILLUSIONI PARALLELE (VIRGIN MUSIC )

Anche se ormai orfani di parte del gruppo originale che ha seguito Sinigallia nella sua avventura da solista, i Tiromancino, ritornano sulle scene con "Illusioni parallele", seguito del fortunato successo di "In continuo movimento".
Rispetto ai precedenti lavori, quest'ultimo disco appare permeato di una cadenza più malinconica, accentuata da melodie più distese e dilatate in cui fanno capolino sia piccole incursioni elettroniche tipo Massive Attack sia strumenti più classici come pianoforti e archi.
L'amore è, come sempre, il punto centrale dei testi di Zampaglione, la differenza, però, sta nel fatto che non si tratta più di racconti sentimentali dolci, quasi al limite della stucchevolezza, bensì di incomprensioni e di sogni difficili da realizzare, di rincorrersi per poi scappare di nuovo, di indecisioni e di sentimenti che fuggono dalle dita verso direzioni inaspettate.

Un pop di largo respiro meno attento alle leggi del mercato di quanto lo fosse in passato.
Dodici brani surreali e un po' sognanti che passano dalla pasoliniana "La terra vista dalla luna" alla più rock "Esplode", che vede la collaborazione, alla voce e alla chitarra, di Manuel Agnelli e al violino elettrico di Dario Ciffo, già Afterhours e ora alle prese con il progetto Lombroso.
Eterea e vellutata è "Verso nord", momento migliore del disco, che unisce all'evocativo intrecciarsi di voci di Nicole e Federico un tappeto sonoro dilatato, lento al punto di sembrare ipnotizzante nella sua malinconica storia di incertezza. Echi più evidenti della "vecchia" carriera del gruppo sono presenti sopratutto nel singolo "L'amore impossibile" o ne "L'autostrada", canzoni che fanno riemergere la vena più spiccatamente pop dei Tiromancino, mentre prendono spunto dalla scena glitch tedesca in brani come "Pericle il nero" che rimanda ad echi dei Notwist più leggeri e tristi di "Neon Golden".

Un lavoro maturo e senza troppi compromessi che ha il coraggio di riprendere perfino le atmosfere fredde dei Sigur Ros (come nella coda strumentale de "La terra vista dalla luna").

I Tiromancino non si sentono in dovere di creare un album per accontentare il pubblico e si presentano con un disco ricercato e molto ben assortito.

Gianluca, Fnac Musica Italiana

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film