Urban reGENeration - Magazine

Mostre Magazine Sabato 13 novembre 2004

Urban reGENeration

Magazine - Percorso, workshop, esposizione. Ma non chiamatela mostra! L’iniziativa è il progetto che l’associazione Urban generation ha realizzato nel centro storico cittadino.
In piazza Banchi, all’interno dell’antica Loggia della Mercanzia, è stato infatti inaugurato un percorso che porterà i genovesi a scoprire 32 città europee (da Genova a Zurigo, da Barcellona a Lille. Fino a Berlino e Manchester, per citarne solo alcune) che, dall’alienazione degli anni ’80, sono oggi protagoniste di una riqualificazione che le ha trasformate nella sede di una frizzante produzione culturale.
Ma andiamo per ordine. Alla conferenza stampa di sabato 13 novembre, l’assessore Luca Borzani ha sottolineato che «fra le 32 città, Il percorso genovese e l’uso nuovo dello spazio pubblico della città hanno offerto un interessante elemento di spunto». Ma oggi, dalla riqualificazione del centro antico, si pensa a quella di altri centri, magari più periferici: «è la scommessa di Genova per i prossimi anni», aggiunge Borzani.

Per Enrico Da Molo, amministratore delegato di Genova 2004, «il tema della città mediterranea è di primo piano per la nostra città». E questa esposizione è «l’iniziativa più europea del programma di Genova 2004. Se l'Europa vuol trovare la sua identità deve farlo attraverso le proprie città». Tra i curatori del progetto, Federica Alcozer spiega l’obiettivo dell’esperimento: «portare il messaggio ad un pubblico vasto». A tal proposito saranno attivi un forum, più di dieci convegni e un workshop. Ma a Genova è stata riservata un’attenzione particolare. Per questo, dall’alto di una gradinata rossa, sarà possibile osservare parte del centro storico e del Porto Antico: «lì sono stati attuati gli interventi più importanti, che hanno rigenerato il tessuto della città», conclude la Alcozer. Non solo: potrete addirittura portarvi via un “frammento di Genova”, racchiuso in piccole bottiglie di plastica. All’interno di ognuna di esse, una foto da conservare.

Hilda Ghiara, curatrice, spiega le sezioni in cui il percorso è suddiviso: interessante è la Città delle immagini: «Abbiamo organizzato un concorso di cortometraggi che rappresentano la rigenerazione urbana. I corti sono visibili all’interno della Loggia». La Crisi urbana è invece rappresentata da immagini tratte da film famosi: dal cinema di inizio '900 fino a quello digitale dei giorni nostri, «per evidenziare come il cinema, esplorando l’immaginario, mostri ciò che non è visibile». Interessante è poi il progetto Import-Export: alcuni artisti provenienti da Lipsia “importeranno” a Genova la loro cultura, e viceversa: ci sarà un workshop della durata di cinque giorni. E non stupitevi se, passeggiando nei pressi della Loggia, verrete fermati da artisti stranieri pronti a consegnarvi alcuni pezzi (sì, ho detto "pezzi"!) della loro città.

A dare il proprio contributo, anche alcuni protagonisti dell’architettura europea - le cui interviste verranno proiettate su un grande schermo - la fotografa Ernesta Caviola con le sue foto di Genova e Luca Vitone, la cui installazione troneggia all’entrata: «Sono 32 disegni, le cartine delle città europee di cui tratta la mostra, ma prive di toponimi», spiega Vitone. «Sono dunque irriconoscibili, se non si conosce bene la città in questione». I disegni, che l’artista ha tratto dalla più note guide turistiche, «insegnano come il proprio luogo di origine sia riconoscibile sebbene la cartina sia priva di indicazioni». E infatti eccola, Genova! La riconosco subito, con il suo porto e il suo mare, che nel disegno è colorato di un blu intenso.
E così, tra fotografie ed immagini, inizia un viaggio attraverso un’Europa che è sempre più unita.

L'esposizione è visitabile dal 13 Novembre 2004 al 9 Gennaio 2005
Loggia della Mercanzia
tutti i giorni 10.00-18.30

Ingresso:
5.00 euro (intero) 3.00 euro (studenti)

In alto: Genova (foto di Ernesta Caviola)
In basso: la città di Lipsia

Potrebbe interessarti anche: , Ad Ascona la mostra tematica Arte e Perturbante , Biennale di Venezia 2017: Viva arte Viva. Da Roberto Cuoghi a Damien Hirst , Lucca Comics 2016: Da Zerocalcare a Gipi, fino ai Cosplay , Anime nere: la Calabria tra letteratura e cinema , Addio a Mario Dondero, fotografo del '900 più vero