Magazine Venerdì 12 novembre 2004

Il Trainspotting dei Ghiacci

Magazine - Lunedì 15 novembre, alle 17.30, Hallgrímur Helgason sarà ospite di , la serie di incontri coordinata da Sergio Buonadonna per l’anno di Genova Capitale Europea della Cultura.
L’appuntamento è presso il Foyer del Teatro della Tosse, in Sant’Agostino (Piazza Renato Negri 4 – Genova).

Saranno Maria Cristina Castellani e Sergio Buonadonna a presentare lo scrittore islandese. Ma durante l'incontro avranno luogo anche degli "interventi teatrali" del Teatro della Tosse, ideati da Sergio Maifredi e interpretati da Lisa Galantini ed Enrico Campanati. Non solo, ci saranno anche gli intermezzi punkrock del gruppo I Revolver e ancora i brani video dal film 101 Reykjavík, ispirato all'omonimo libro di Helgason.

Protagonista del romanzo “101 Reykjavík” è il trentenne Hlinur, antieroe dei ghiacci urbani di Islanda, ancora aggrappato al cordone ombelicale della mamma. Disoccupato ma felice del sussidio statale, conduce una vita sregolata fatta di musica pop-rock.punk, chat hard, sesso e video porno, sigarette e sostanze, dormendo di giorno e frequentando di notte fumosi bar di Reykjavík. Saranno le donne, a cominciare da Lolla, fumatrice di canne e fidanzata di mammà, a prendersi la rivincita mettendolo prima all’angolo e poi al tappeto, in una girandola di gravidanze di cui, in un modo o nell’altro, il nostro eroe è responsabile.

Hallgrímur Helgason
È nato nel 1959 a Reykjavík (Islanda), dove risiede e lavora. Frequenta l’Accademia di Belle Arti nella capitale e l’Akademie für die Bildenden Künste di Monaco. Artista eclettico, negli ultimi vent’anni ha esposto in numerose collettive e personali in Islanda e all’estero, in particolare a Boston, New York, Malmö, Parigi, dove ha vissuto per cinque anni. Romanziere, poeta, drammaturgo, attore, disegnatore e pubblicista, ha lavorato anche in radio e in televisione. La fama internazionale arriva nel 1996, con il romanzo cult 101 Reykjavík (Guanda, 2001), esilarante farsa grottesca tradotta in dieci lingue e diventata anche un film nel 2001 con l’almodovariana Victoria Abril per la regia di Balatasar Kormakur.

Nella foto: Hallgrímur Helgason

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione