Magazine Martedì 2 novembre 2004

L'angolo della poesia

Magazine - Autore
Stefano Donno nasce a Lecce il 26 febbraio 1975. Tra le sue opere, dal 1998 al 2004, la raccolta di poesie Sturm and Pulp; Edoardo De Candia - Considerazioni inattuali; il romanzo Se Hank avesse incontrato Anais; il monologo per teatro Monologo - +; L'Altro Novecento - Giovane letteratura salentina dal 1992 al 2004.
Ha pubblicato, sul numero V-VI, un contributo teorico sulla Prosa Poetica Internazionale sulla pubblicazione periodica della Yale Italian Poetry. È attualmente Direttore editoriale della Luca Pensa editore e cura con lo scrittore Luciano Pagano il sito di letteratura e poesia www.musicaos.it .


La poesia

Compostezza

Da tempo la tomba di famiglia
Era stata costruita e resa
Già disponibile a
Divenire un'accogliente dimora.

Accadeva spesso che
Durante le cene di Natale
O di Pasqua
I primogeniti esprimessero
Con visibile impazienza
Il desiderio
Di voler aggiungere
Questo o quel motto
Sulla propria lapide.

In questo modo la tradizione
Continua
nei secoli dei secoli
la memoria non viene tradita
e i figli sono così educati
alle buone maniere.


Il commento di Ivano Malcotti
Tradizione e sentimento in una bella poesia del giovane talento salentino. Donno convince nella semplicità dello stile e nella purezza del cuore. Un autore da seguire con molta attenzione.


...dice l’autore
«La poesia è tutto ciò che oggi manca sulle nostre tavole. L'indispensabile lo abbiamo già, il superfluo non ci manca, è solo che siamo rimasti a corto di buoni sentimenti, e non possiamo che accontentarci delle sottomarche. (Possiamo anche rinunciare a qualche gettone di presenza per della buona poesia)».

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film