Concerti Magazine Venerdì 29 ottobre 2004

Ma che dolcetti, qui si balla!

Anche quest’anno è arrivato il 31 ottobre. Lo so, lo so: non fa ancora l’effetto del 25 dicembre o del primo maggio. Ma piano piano sta entrando nelle nostre abitudini. Cos’è? È Halloween.

Ragazzi, c’è poco da fare. Hanno un bel dire quelli che non sono affatto contenti: «ma è mai possibile che tutte le americanate ce le dobbiamo ciucciare anche qui come una medicina da prendere per forza? (Scaduta, per di più, perché arrivano decenni dopo)».
A parte che prima ancora che americana era una festa celtica, in cui si celebrava l’addio alla luce e all’estate: il capodanno Samhain. Comunque, les jeux sont faits, queste cose non si decidono a tavolino, vanno da sé. E poi, diciamo la verità, che dove c’è festa ci sguazziamo un po’ tutti. Ed è per questo che, da qualche anno, il 31 ottobre c’è un‘atmosfera strana in città.

Si scorazza allegramente per le vie. Qualcuno si maschera in modo improbabile, per una non giustificata nostalgia carnevalesca. Molti si limitano a darsi una mano di bianco in faccia e una riga di nero intorno agli occhi, che fa molto Halloween. Zucche non se ne vedono molte. I bambini italiani non hanno ancora quei viali senza macchine, con i sentierini che arrivano alla porta di casa, dove i loro coetanei americani dei film vanno a suonare dicendo “dolcetto o scherzetto?”. No, i nostri se ne stanno a casa a giocare alla play, che è meglio.

I grandi, invece, si divertono come dei pazzi. Tant’è vero che le feste abbondano. Proviamo a fare un’agenda essenziale di quello che potreste fare domenica sera.
Innanzitutto, al della Fiumara è stata annunciata "la più grande festa di Halloween d’Italia". E che ci sarà? Una convention di vampiri e streghe? Manco per niente, c’è musica a go go. Una sfilza di dj che la metà basta. C’è Darren Price degli Underworld (ricordate la colonna sonora di Trainspotting? Ecco, è loro il brano simbolo del film: Born Slippy). Ci sono anche i ragazzi della , che hanno piazzato il “tormentone dei tormentoni” dell’anno passato nella sigla delle Iene. E poi ancora Dj Fede feat. Esa, Subway Sound System, Sunset Boys, Dj Perdo Sound, TTV e Maurizio Dj. Sette ore di musica – dalle 22 alle 5 - a 10 Eu. Ammazzate o.

A Sampiedarena lo ha organizzato una giornata intera di iniziative. Si comincia al pomeriggio con una festa per i bambini (ma non dovevano stare a casa con la play?) organizzata dall’Associazione Maccaia. Giochi e dolcetti. Alle 19 subentrano i grandi per l’aperitivo. La sera, dalle 22, c’è una sfida in consolle: due dj trevigiani – Ixis & Steve Selecters – sfidano la star locale: BB dei . All’ultimo scretch.

Per andare al domenica sera bisogna mettersi il camice bianco. Poi vi prendono e vi portano tutti alla Neuro. Scherzo… è che i ragazzi del 74 hanno il senso del colore: i muri del locale sono bianchi, vi immaginate l’effetto della folla tutta vestita di bianco in un locale dello stesso colore: un mucchio di teste che si muovono nel vuoto…
Comunque, nel nuovissimo Arci la festa è intitolata, ovviamente, La clinica 74, e prevede la proiezione del Rocky Horror Picture Show e di Frankenstein Junior. Poi Dj Jury G. Superstar andrà in cabina di regia, anche lui vestito di bianco.

Al Checkmate di via Trebisonda 29r ci sono due dj dal nome che è tutto un programma: Dr Terrore e Drillerkiller. Cercheranno di spaventarvi con musica anni ’80 e ’90. Impresa ardua… Qui si festeggia anche la festività celtica, il capodanno Samhain.
Anche al di Savona reclamano un abbigliamento mostruoso, sennò non si entra. Prima c’è il concerto dei Divina, poi, quando riaccenderanno le luci, le ragazze si renderanno conto di come hanno allestito il locale e scapperanno tutte terrorizzate dal loro uomo. E come tutti sanno, chinon conclude ad Halloween...

Sappiamo che al mondo esistono persone a cui di Halloween non frega assolutamente niente. Anche loro hanno diritto di uscire di casa e noi siamo qui per questo. Domenica, per esempio, c’è una replica del Parsifal al Carlo Felice. E poi è pieno di Sagre della Castagna un po’ ovunque: c’è a Cassingheno, a Fontanigorda e a Pentema. Infine, al Senhor do Bonfim di nervi c’è il gruppo The Blues Dudes & Dudette e al Logo loco di via Degola c’è una serata hip hop, rythm and blues: guest star dj Vacca.

In tutti questi ultimi luoghi potete andare con un aspetto umano senza essere disprezzati.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Risate di gioia Di Mario Monicelli Commedia Italia, 1960 Una notte di capodanno a Roma, Anna Magnani con uno spiumato boa di struzzo, Totò con il suo vecchio frac (e Ben Gazzara, compagno astuto nell’arte di arrangiarsi). Cercano compagnia, cercano d’infilarsi in tavolate che li rifiutano,... Guarda la scheda del film