Concerti Magazine Venerdì 24 settembre 2004

Duran Duran: Astronaut

Magazine - Di anni ne sono passati davvero molti, ma non così tanti da cancellare il ricordo del “fenomeno planetario” Duran Duran. Forte dello strepitoso successo di pubblico e critica ottenuto con la tournée in Inghilterra e in Australia, il gruppo capitanato da Simon Le Bon si accinge a fare un ritorno in grande stile sui palcoscenici internazionali troppo a lungo disertati. Se in Astronaut sono ancora presenti, e non potrebbe essere altrimenti, tutti quegli elementi che avevano fatto la fortuna della band inglese negli anni Ottanta, è possibile apprezzare tra i solchi del disco l’incredibile maturazione del sound ora molto più rock-pop (non mancano le spolverate funky come in Bedroom Toys) e meno “teen” rispetto ai tempi andati. I Duran Duran hanno affrontato l’avventura di Astronaut – la title track con la sua intro acustica è tra i migliori momenti dell’album – con la consapevolezza di quanto è successo negli ultimi dieci anni nel panorama musicale mondiale e con la convinzione di poter ancora dire qualcosa al pubblico all’ascolto: (Reach Up For The) Sunrise e Chains esempi di un’acuta intelligenza artistica che ha saputo resistere a tonnellate di stampa-spazzatura. Simon & soci sono ora pronti a conoscere le figlie delle fans di allora!

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film