Concerti Magazine Martedì 26 ottobre 2004

Un weekend Stratos-ferico

Acquista i tuoi biglietti per il tributo a Demetrio Stratos su

Demetrio Stratos è senza dubbio una delle voci migliori che la musica italiana abbia conosciuto. Ma non era solo “una delle migliori”, era decisamente pazzesca. Tanto che è finita al servizio della ricerca scientifica. La leucemia se lo portò via troppo presto, il 13 giugno del 1979. In occasione del venticinquesimo anniversario della sua morte, l’ gli dedica una tre giorni di seminari, incontri, film, musica, dal titolo . Tutto avverrà al di Voltri dal 29 al 31 ottobre.

Dura più o meno dieci anni la parabola musicale di Demetrio Stratos. È di origine greca, nasce ad Alessandria D’Egitto, studia a Milano. Insomma, nasce cosmopolita.
Si fa notare con i Ribelli con la canzone Pugni Chiusi e, nel 1972, fonda gli Area, bandiera del rock progressivo italiano per tutti gli anni Settanta. Incide alcune canzoni rimaste celebri, come Luglio Agosto, Settembre (nero) e Gioia e Rivoluzione.

Quando finisce l’esperienza con il gruppo, si butta sulla pura sperimentazione vocale. Collabora con il Cnr di Padova. Alla fine riuscirà a fare suoni doppi, tripli, addirittura quadrupli simultaneamente. Un fenomeno della voce, altro che the voice. Allo studio musicale, affianca la passione per le culture asiatiche. Si capisce così da dove viene l’essenza multiculturale della sua musica.

Ho sentito Fabrizio Celli, vice presidente dell’Associazione Metrodora, che mi ha spiegato come gli è saltato in mente di organizzare questa iniziativa. «Come si legge dal nome della nostra associazione (Metrodora, come un album pubblicato da Stratos nel '76), noi siamo nati con gli Area, con il rock anni Settanta, e Demetrio Stratos è un genio, se vogliamo sottovalutato dalla critica musicale».
Diciamo che non è un personaggio facile da incasellare in qualche categoria "critica". «Assolutamente no. Ma Seguendo l’assunto che la musica è cultura, ci sembrava impossibile non dedicare un evento di questo 2004 all’anniversario di Stratos».

Eppure non è stato facile. «Non è stato per nulla semplice, non abbiamo avuto quasi nulla, né dal pubblico, né dal privato. Eppure io il calendario della Capitale Europea della Cultura l’ho visto, non è che si navighi nella musica…».

Secondo te qual è l’eredità più importante che ha lasciato Stratos? «Io sono cantante, l’ho conosciuto per i suoi studi, che solo un genio poteva intraprendere. Ma non c’è dubbio che il suo interesse ha coperto molti campi, anche extra musicali. Per esempio, noi lo sentiamo molto vicino per il suo interessamento verso le periferie e le loro difficoltà, perché ci viviamo e ci lavoriamo».


Programma

Venerdi 29 ottobre

17.00. Presentazione della manifestazione a cura dell'Associazione Culturale Metrodora

17.15. Prima parte seminario,·La scena musicale alternativa italiana nei '70,·L'inizio della carriera di Stratos: Bitt e Ribelli,·Area (International Popular Group): avventura unica e straordinaria,·Gianni Sassi, Cramps Records e la scena milanese,·Gli Area e Stratos attraverso i materiali dell'epoca,·Per un'Area oltre il progressive

20.00. Demetrio Stratos a Genova: testimonianza del Picchio dal Pozzo con presentazione audio di frammenti del nuovo album picnic@valdapozzo contenente campioni lasciati da Demetrio Stratos al gruppo in occasione delle sue visite a Genova del 1977-78

21.00. Seconda parte del seminario:·La carriera solista di Stratos, I rapporti di Stratos con le cultura balcaniche e (medio) orientali, Le influenze di Cage e Stockausen, La voce e il canto nell'opera di Stratos,·La ricerca di Stratos sui limiti della voce umana. Partecipano: Daniela Ronconi Demetriou, Patrizio Fariselli, Claudio Chianura, Gianni-Emilio Simonetti, Eugenio Finardi, Franco Fabbri, Claudio Rocchi, Il Picchio dal Pozzo, Riccardo Storti, Domenico Coduto, Federico Guglielmi, Roberto Giannini

23.30. Proiezione del film Demetrio Stratos: Suonare la voce.


Sabato 30 ottobre

Serata musicale
21.00. St.Ride special guest Vittorio Nistri, performance elettronico sperimentale.

22.00. Patrizio Fariselli piano solo special guest Loretta Fariselli (danza), presentazione in anteprima nuovo album di rielaborazioni materiale Area

23.30. Proiezione del film Concerto all'Arena civica di Milano tenutosi il 14 Giugno 1979


Domenica 31 ottobre

Serata musicale
20.00. Julie's Haircut, Yuppie Flu in concerto, con la partecipazione di Toxic Picnic, Denize, Visionaire.

Nella foto: Demetrio Stratos

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film