Hop altrove: un anno dopo - Magazine

Teatro Magazine Venerdì 22 ottobre 2004

Hop altrove: un anno dopo

Magazine - Mario scrive.
Mario dirige.
Mario produce.
Mario però non appare, Mario fa e ama fare dietro le quinte.
Chi è Mario? Mario è Jorio dell'Hop Altrove, il teatro in piazzetta Cambiaso.

La nuova stagione è certo Mario ad annunciarla, ma rigorosamente in absentia. Il suo nuovo cortometraggio è scritto da lui e da lui diretto, ma sono le molte voci femminili recitanti a parlare, a raccontare dello sforzo e della rinnovata energia, dopo 16 anni di attese e un anno di attività.
Mario si intravede ogni tanto, sullo sfondo del suo teatro, in veste di regista, ma a prevalere sono le immagini del luogo e quelle che ritraggono momenti cruciali degli spettacoli in cartellone l'anno scorso.

53 spettacoli sono di scena quest'anno. 126 repliche tra cui prosa, danza, poesia, musica, film e mostre. E sono cinque le grandi linee lungo le quali si sviluppa il cartellone. La drammaturgia contemporanea è una delle protagoniste della stagione, con 18 spettacoli, portati in scena da nomi altamente promettenti, ormai da anni, come la compagnia Lenz Rifrazioni di Parma, o Teatri di Vita di Bologna e altre realtà emergenti come Teatro Aperto, Compagnia Anna Bolens, Teatro delle Moline e la genovese Teatro Ipotesi di Pino Petruzzelli.

La danza è a tutti gli effetti co-protagonista del nuovo cartellone e si avvale di una consulenza illustre, quella della coreografa Monica Casadei (fondatrice di Artemis Danza). Per febbraio Monica ha preparato Danzaltrove, una rassegna di 9 spettacoli e incontri con l'ultima generazione di illustri interpreti del movimento e del corpo in scena. Sempre in tema di danza e sempre grazie alla Casadei, l'Hop parla della maestra Pina Bausch, e lo fa attraverso gli scatti che la ritraggono, a firma di Maarten Vanden Abeele. In un ideale dialogo a distanza, la mostra fa da contrappunto (a partire dal 20 novembre) a Kontanthof mit Damen und Herren ab 65 lo spettacolo cult che la Bausch riporta in scena a distanza di anni al Teatro della Corte (18, 20 e 21 nov) .

Prosa dunque e danza, ma anche musica: dalla classica alla contemporanea, attraverso un appuntamento con il tango. Anche per la musica contemporanea, Mario ha scelto di creare un festival interno al cartellone. Si chiama Musicaltrove e dà sistematicità e conseguenza alle diverse serate (6 in tutto), nell'intento di trovare una chiave d'accesso e uno spazio dedicato ad un ambito artistico estremamente composito.

A proposito, tocca a Mario, da regista, aprire la stagione dell'Hop o forse… è Kafka, o Josef K. Dal 26 ottobre al 5 novembre Qualcuno doveva averlo calunniato… di Mario da il Processo di Kafka, con tutta la compagnia, per una visione paradossale della macchina processuale e di tutti i suoi burocratici ingranaggi. Mario & Co hanno in mente anche altre due produzioni a firma Hop, ache se una è "scrittura scenica in corso", come recita il programma che però ne indica già il titolo (buon segno): Due sconosciute (11-21 gennaio); mentre l'altro è Il cimento di Edipo, (28-30 aprile), un testo di e con Paola Sansone, di cui Mario cura la regia.

Dal teatro al cinema il passo è breve. E a ricordarcelo, anche se indirettamente, è lo stesso corto di presentazione di cui parlavamo all'inizio. Difficile dimenticare la passione per il grande schermo di Mario, che quest'anno si concretizza con un'altra interessante iniziativa, non episodica: Kin8tto, uno spazio (4 serate) dedicato ai cortometraggi e ai documentari provenienti dall'archivio del Genova Film Festival, dell'Associazione Culturale Daunbailò.

Cos'altro? Ma una cosina, cosetta, cosona che ci siamo lasciati volutamente per ultima, al fine che da voi venga appuntata e non scordata!
Parlo del ciclo di incontri o meglio di “anomale letture” dal titolo Beato chi ci crepa - otto poeti per quattro peccatori, del Collettivo di Pronto Intervento Poetico “Altri Luoghi” che, più che con la poesia, sfiderà il pubblico a colpi di versi intorno a quattro miti del nostro tempo: Topolino, Padre Pio, Fausto Coppi e Grace Kelly. A brandire la spada dorata delle rime Marco Ardemagni, Mariano Baino, Gabriele Frasca, Aldo Nove, Paola Sansone e Edoardo Sanguineti.

Vedete un po' voi se vi basta.

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.