Magazine Mercoledì 15 settembre 2004

Festa dell'Unità, ultimi appuntamenti

La è ormai agli sgoccioli e si concentrano negli ultimi giorni gli incontri con alcuni dei più importanti esponenti del panorama culturale italiano. Giovedì 16 settembre, alle ore 21.00, presso la tenda Magic Mirrors, David Riondino e Stefano Bollani presenteranno il recital Presepe vivente e cantante.
Si tratta di uno spettacolo singolare, che dà voce ai personaggi minori del presepe, ai pastori, ai falegnami, ai poveri e a tutti coloro che, nell'iconografia tradizionale del presepe, vediamo andare verso la Grotta, senza mai raggiungerla. I loro pensieri diventano canzoni, le loro storie diventano gli elementi di una curiosa narrazione del Natale.
David Riondino ne sarà il narratore e Stefano Bollani accompagnerà al pianoforte le statuine cantanti, interpretate da Paolo Benvegnù, Monica Demuru, Petra Magoni e Mauro Mengali.

David Riondino è cantante, scrittore, drammaturgo, attore, regista e improvvisatore. Celebri sono rimaste le sue apparizioni al dove, interpellato a caldo dal conduttore, era capace di improvvisare su due piedi brevi storielle comiche cantate, accompagnandosi ad una misera chitarra e parodiando i cantautori brasiliani. I suoi versi, invece, sono apparsi su numerose riviste di controcultura o di satira: dai Cattivi, Tango, Il Male e Cuore, fino a testate più prettamente comiche e goliardiche come Comix. Indimenticati rimangono anche alcuni suoi interventi e collaborazioni con il quotidiano Il manifesto.

Stefano Bollani è un musicista che vanta tantissime collaborazioni, che spaziano dalla musica classica al pop rock, dalla sperimentazione tecnoacustica al Jazz. Ha esordito professionalmente all’età di 15 anni e, da allora, ha già avuto modo di partecipare a più di trenta incisioni discografiche. Come miglior talento del jazz ha vinto il referendum della rivista Musica Jazz nel 1998 e il Django d’or italiano nel 2000.

Doppio appuntamento per sabato 18 settembre, presso la Sala Guido Rossa della Festa dell’Unità. Alle ore 21, Lidia Ravera presenterà il libro Il freddo dentro edito da Rizzoli, incentrato sulla tragica vicenda di Novi Ligure. All’incontro parteciperanno Anna Maria Faganelli, Marcella Lucidi, Giuliana Manica, Giovanna Martano, Delia Murer, Iole Oberti, Ersilia Salvato.

Lidia Ravera ha raggiunto una grande notorietà con il romanzo Porci con le ali, scritto a quattro mani con Marco Lombardo Radice, un affresco della generazione del sessantotto, dei suoi miti e dei suoi ideali, fotografati attraverso la storia d'amore tra i due protagonisti adolescenti, Rocco e Antonia. Ha collaborato a moltissime sceneggiature. Le principali sono: Porci con le ali, per la regia di Paolo Pietrangeli; Oggetti smarriti e Amori in corso, per la regia di Giuseppe Bertolucci; Una vita in gioco, serie televisiva prodotta da RaiDue e Una vita in gioco 2; Dopo la tempesta, regia di Antonio e Andrea Frazzi.

Il secondo appuntamento è con e il vignettista Vauro che, alle ore 22.30, presenteranno il libro I peggiori crimini del comunismo, edito da Piemme e scritto dallo stesso Giulietto Chiesa.

Corrispondente da Mosca per L’Unità e poi per La Stampa, attualmente Giulietto Chiesa è editorialista e commentatore politico del quotidiano torinese, oltre che collaboratore di numerose riviste e giornali italiani, europei, russi e americani. Ha lavorato per il Tg 5, Tg 1 e Tg 3. Collabora saltuariamente con Radio Svizzera Internazionale, con Radio Vaticana, con la BBC in lingua russa, con Radio Liberty, con NTV (Russia) e con Deutsche Welle. Collabora regolarmente con Rai News 24 e con diversi programmi RAI, tra cui Primo Piano della Rete 3. Ha scritto diversi libri, quasi tutti in tema di storia, cronaca e reportage sull'Unione Sovietica e sulla Russia.

Vauro Senesi è stato invece allievo di Pino Zac con il quale nel 1977 ha fondato Il Male; da allora la sua penna ha lasciato il segno sulle più importanti testate nazionali e estere: Satyricon, Linus, Cuore, I quaderni del Sale, L'Heco des Savanes, El Jueves. Giornalista professionista, è editorialista del Manifesto, direttore del settimanale satirico Boxer e collabora con Corriere della Sera e Smemoranda. Nel 1996 ha vinto il Premio di Satira politica di Forte dei Marmi. Al suo attivo ha numerose raccolte di vignette.

Nella foto: David Riondino
di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film