Magazine Venerdì 19 gennaio 2001

Cameriere a CAPODANNO parte I

Magazine - Ciò che segue è la cronaca informale di quanto è successo al sottoscritto nella serata di capodanno, passata a lavorare come cameriere in un ristorantino della riviera…TRANQUILLI! Non ho intenzione di impietosire nessuno con racconti strappalacrime alla Dickens (lo studente squattrinato e solo-soletto costretto a lavorare in una notte di festa…), ma ho in realtà pensato di divedere con voi alcuni gustosi quanto paradossali episodi di quella catastrofica serata lavorativa: come avrei potuto rinunciare a tutto ciò?
Scenario: sala B(quella a me assegnata) 30mq circa, numero di prenotati ivi stivati per il GranCenoneImperiale di Capodanno: 52 (ma qualcuno sostiene 56). Se fate un rapido calcolo, scoprirete che la densità di popolazione, a stoccaggio completato, era senz’ombra di dubbio superiore a quella Hong Kong nell’ora di punta…dove far sedere la gente? Dove far stare le pellicce-pellicciotti-volpi morte-moffete impagliate, sfoggiate con tanto orgoglio dalle signore? Dove passare indenne con i piatti di portata (e si…ho il culo un po’grosso)? E soprattutto, come riuscire a fare tutto ciò, facendo credere che in fondo è una serata di festa anche per me e che il lavoro di cameriere non è poi così malaccio?
Breve digressione sulla disposizione spaziale dei commensali: tavolata di 28 persone con annesso tavolo di 6 bambini, scaltramente voluto separato dai genitori per non avere i pargoli tra i coglioni almeno la sera di capodanno, tavolo di 12 persone con giovani (età media 25 anni) già sbronzi all’antipasto (con tutto ciò che ne consegue), tavolo di 6 persone così costituito: padre, madre, figlia piccola, figlia grande(gnocca), ragazzo della figlia grande(che dire…si è esibito tutta la sera in mirabolanti giochi di prestigio alla Silvan) e nonnina semi-deambulante non pienamente consapevole della realtà che la circonda (i giochi di prestigio però la divertivano tanto). E non dimentichiamo i due cani: un Mastino Napoletano(“…non si preoccupi, è bravissimo…”) ed un Bull Dog (più simpatico dei padroni).
Fino alle 21.30 la situazione è più o meno sotto controllo ma già si avvertono i primi segnali di rapida degenerazione: la sala è saturata dal fumo di sigaretta ed i posacenere eruttano cicche a più non posso, temo si manifestino i primi sintomi di ipossia cerebrale sicuramente aggravati dall’overplus alcoolico-gastronomico; i suddetti bambini, sfuggiti oramai ad ogni forma di controllo volontario da parte delle famiglie, orbitano per tutta la sala su traiettorie asincrone assolutamente imprevedibili, spuntando da ogni angolo possibile e brandeggiando minacciosamente i petardini, prontamente forniti dal papà per la guerriglia di mezzanotte (Nota:le creaturine vanno dai 3 ai 10 anni stimati). Il tutto è ulteriormente peggiorato dall’insidiosissimo pavimento, reso viscido dall’umidità condensata misto sudore…

Per la parte II:Leggi l'articolo
Matias Civitella

di Francesco Tomasinelli

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film