Concerti Magazine Mercoledì 1 settembre 2004

CapaMikiRezza

Magazine - È un fenomeno trasversale ma per lui non è stato sempre un bene. L’album Verità supposte ha raggiunto il grande pubblico ma qualcuno ancora non lo riesce a mandare giù. Abbiamo ancora chiara in testa l’ultima performance genovese di Caparezza - al - ed è già di ritorno alla , venerdì 3 settembre. Lo spettacolo inizia alle 21 in piazzale Kennedy.

Fuori dal tunnel e gli altri brani del fortunato lp sono entrati nelle orecchie di tutti, sono diventati sigle (Zelig), vengono suonati in disco e live, nei pub come in pizzeria. Ma la storia di Michele Salvemini ha subito un percorso del tutto particolare, non sempre facile.

Nel 1997 un giovanissimo Miki Mix (sempre Michele) esordiva a con E la notte se ne va e un album prodotto dalla Sony. Ma il successo non arriva e nonostante lui si dichiari portavoce dell’universo hip hop, la “fabbrica della musica” imposta dall’etichetta lo deprime tanto che alla fine decide di mollare tutto e ricominciare.

Cambia nome in Caparezza, torna alla natia Molfetta e si incaglia in un ambiente - quello hip hop, delle jam, del freestyle – che lo ha bollato in partenza come incapace e fa di tutto per annichilirlo. Lui per un po’ ci prova, poi si rompe le palle e decide di prendere un’altra strada. Nasce Caparezza?!, stroncato dai patiti di hip hop e ancora troppo acerbo per sfondare. Infine arriva Verità supposte. Tutti sappiamo il seguito.

Ho letto molte opinioni su questa storia. Pare che lui abbia avuto un senso di colpa terribile per esser stato Miki Mix. I puristi dell’hip hop non l’hanno mai perdonato e all’uscita di Caparezza?! gli hanno detto di tutto.
La Extra, però, gli ha dato fiducia e ora si leccano le dita.

Ho solo un dubbio su questa storia. Se i suoi idoli sono Frank Zappa e Woody Allen, quanto tempo doveva metterci per capire che non era purista di genere ma un eclettico?
Uno che riesce a scrivere una canzone contro il divertimento notturno, danzerino e sballone, ma anche e semplicemente contro il “dove tirar tardi per forza” (Fuori dal tunnel) e questa diventa la hit di tutti i luoghi da ballo, è un genio. Oppure ha sbagliato qualcosa… ma chi se ne frega. Ci sentiamo tutti casalinghi ballando.

Nella foto: Caparezza

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Piccoli brividi 2 I fantasmi di Halloween Di Ari Sandel Avventura 2018 Una vera e propria invasione di mostri. Per una notte speciale - quella di Halloween - la più spaventosa dell'anno, le storie diventeranno tutte reali. Una casa distrutta, due ragazzini in bici, un libro ritrovato. Guarda la scheda del film