Concerti Magazine Giovedì 29 luglio 2004

Sanscemo 2004: finalmente a Genova

Con orgoglio possiamo dire che cultura e demenza, a volte, vanno a braccetto. Potevamo perderci, proprio quest'anno, la decima edizione di ? Il Festival della musica più demenziale che ci sia arriva al Porto Antico, si inserisce tra le migliaia di concerti semiseri della stagione estiva e porta una ventata d’aria fresca (speriamo solo quella…). Venerdì 30 luglio, dalle 21.01 (così sta scritto, chissà se saranno puntuali), parte lo show. L’ingresso è gratuito. Gli organizzatori, però, raccoglieranno offerte per l’Ospedale Gaslini.

Chiedo a Paolo D’Onofrio quali saranno le chicche di quest’anno. «Intanto è già un evento il fatto che siamo riusciti a portare il Festival a Genova. Dopo dieci anni a Torino, ci siamo avvicinati ai nostri concorrenti di Sanremo». Cosa succederà sul palco? «Verranno molti ospiti diventati famosi grazie a Sanscemo, come Marco Carena, Tony e i volumi e la Al Caprone Bang. Di quelli che partecipano quest’anno non anticipo nulla».

Come ogni gara che si rispetti avrà una presentatrice, Chiara Sani, e una giuria. Luana Borgia terrà i collegamenti tra il palco e i giurati. Ma a Sanscemo sono avanti e hanno introdotto un nuovo metodo per vincere: pagare. Ci sarà il Mago Gabriel a presiedere l’Ufficio Corruzioni, in modo del tutto trasparente…

Come in ogni festival che si rispetti c’è un “disturbatore”: Enrique Balbontin. Cosa farai Enrique? «Una serie di sketch a ripetizione. Farò un po’ tutti i miei personaggi. E poi, visto che siamo ad un Festival di musica, farò un po' di rap. Fondamentalmente romperò la ciolla!». Ecco, se disturbatore deve essere…

Ma facciamo un po’ di storia, così capite a cosa andate incontro.
Il festival parte nel 1990. Vince proprio Marco Carena, ma sul podio ci sono anche Marco Giecson e i Camaleonti. Tra i partecipanti gli “Edipo e il suo complesso” e “Ultra Tanfo e le zaffate”. L’anno dopo i “camaleonti” si rifanno e vincono, a pari merito con i “Powerillusi”. Il ’92 è l’anno di Dario Vergassola con Marta, e nel ’93 trionfa il grande Tony Tammaro con la hit E v’ha facite appere. Lo stesso anno in cui partecipavano i “The Muro”. Ebbè…

Nel 1995 la stessa Luana Borgia con il suo gruppo, Minisplip, arriva sul podio con Un giorno da porno. E via avanti così tra “I cugini di castagna”, “Santo e le madonne” e vari ospiti, come Freak Antoni degli Skiantos.

Quest’anno i concorrenti sono:

Tamorti (Venezia) "Il Bruco"
Domenica Vernassa (Ancona) "Macellaio"
The Crazy Etilic Band (Pordenone) "Davanti"
Gegé Vella (Pozzuoli - NA) "Filiberto tieni duro"
Toscani Classici (Prato) "Orfani di Bearzot"
Zampe D'elefante (Ancona) "Israele"
Trombe Di Falloppio (Torino) "Formiche ai piedi"
Benny & The Tipi Sospetty (Bologna) "Fatti il riporto"
PG2000 (Vercelli) "Alito di una 16enne"
Extraforg (Gravina in Puglia - BA) "Osama bin Lama"
Abbagno Maria (Torino) "Abby la Cubbista"
Womiti Kaldi (Novi Ligure - AL) "Polpapronta"
Gemelli di pancia (Corbetta - MI) "Pirsing"

E qui il gioco è duro. Mica come per i cugini fighetti della riviera dei fiori. «Loro c’hanno i fiori», dice Paolo D’Onofrio, «noi abbiamo gli ortaggi, non per niente il nostro simbolo è il pomodoro spiaccicato sul disco…». Liberate gli istinti, e se non vi piace un gruppo, bersagliatelo.
«Pensa che al mercato ortofrutticolo di corso Sardegna sono così entusiasti dell’evento, che stiamo cercando di organizzare il prossimo Festival proprio lì». Ah, dal produttore al consumatore senza far neanche troppa strada…«Esatto, certo che l’Arena del Mare è una bella location. Se andrà bene, sarà difficile staccarsene».

Mettevi un pomodoro in tasca, meglio se marcio, e uscite.

Nella foto: Enrique Balbontin

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La vita è facile ad occhi chiusi Di David Trueba Commedia Spagna, 2014 Spagna, 1966, in pieno regime franchista. Un professore che usa le canzoni dei Beatles per insegnare l’inglese ai suoi alunni viene a sapere che John Lennon si trova in Almeria (Andalusia) per girare da attore il film “Come ho vinto la guerra”.... Guarda la scheda del film