Concerti Magazine Mercoledì 14 luglio 2004

Tutto sul Goa Boa: atto secondo

Magazine - Compra il tuo biglietto per il Goa Boa Festival 2004 su

Prosegue la nostra agendina giornaliera sul . Ecco i gruppi che suoneranno venerdì sera alla Piazza del Mare, Fiera di Genova.

18.00
Zerodieci è il secondo giovanissimo gruppo genovese che si esibisce sul palco del Festival. Questi sono veramente giovani, vanno dai 17 ai 21. Eppure sanno già il fatto loro. Hanno vinto la finale del Sanremo Rock Festival e la giuria del Goa Boa School Select ha confermato il valore della band. Partono da esperienze di studio diversissime i componenti del gruppo: blues, classica, rock, country, funk. Ogni brano risalta una delle anime, riuscendo a mentenere una continuità nel concerto.

18.25
Deve essere una nuove moda: nome straniero, band italiana. Questa volta sono gli Aprés la classe, dal Salento. Dalla loro terra hanno preso la voglia di sole e divertimento. Suonano reggae, ska, rock, pop e punk. In pieno Jamaican Style.

19.10
Altra esclusiva nazionale. Gli olandesi League of XO gentlemen variano rapidamente dal reggae al rock, fanno rap ma anche pop. Sono una delle più note band provenienti dai Peasi Bassi e hanno ricevuto premi internazionali. Il loro concerto al Goa Boa si è realizzato grazie alla collaborazione con il National Pop Instituut di Amsterdam e l’Ambasciata Olandese a Roma. Una curiosità: siccome arrivano e ripartono in meno di un’ora, hanno chiesto loro di suonare presto.

20.10
Z-star è un’artista difficile da classificare. È stata paragonata a Me’Shell NdegéOcello, Sade, Shirley Bassey, Nina Simone e Joan Armatrading. Canta l’amore, la libertà e la fiducia nella vita. Voce profonda, suadente, e una grande carica live.

21.00
Nel 1991 il gruppo Sud Sound System fece il botto, con tanta voglia di raggamuffin’ ma anche di parlare in salentino. Portavano un messaggio: il tavoliere come Kingston Town (a mmia me basta lu suleee...). Il loro talento è diventato ben presto una certezza. Nonostante il dialetto, hanno avuto un riscontro in Italia. Ora tornano alla grande, con lo stesso stile e la stessa voglia di cantare lu sule.

22.00
Ancora un’esclusiva, e meno male. Vi spiego perché. Durante un concerto di Femi Kuti & Positive Force, Femi è riuscito a sposare 27 donne! Pensate in più di una data cosa riuscirebbe a fare… Leader musicale e contestore del regime politico nigeriano, arrestato più volte per aver cantato contro i dittatori corrotti del continente nero. Afro-beat & skunk. Pare che i suoi concerti diventino subito una sessione di trance collettiva… ecco il perché di tanti matrimoni. Fight to win è un album risolutamente radicato nell’Africa di oggi. Con Femi si possono definitivamente aprire gli occhi nei confronti delle aspirazioni dei giovani figli degli stati indipendenti dell’Africa.

23.00
Verità Supposte lo ha consacrato CapaRezza e lo ha immolato su tutte le classifiche. Strana sorte per un brano - Fuori dal Tunnel - che canta le gioie del dell’antipresenzialismo e del banalismo, ed è cantato in ogni party del mondo. Più volte l’autore ha detto di essere stato frainteso… Hip hop contaminato dal rock, e anche dal metal. L’album del successo è anche quello in cui ha deciso di sparare a zero su tutto e tutti.
Dalla sua biografia: “CapaRezza in Verità Supposte fa il punto della situazione, un punto interrogativo, perché lui si fa un sacco di domande. Per CapaRezza la musica non ha bisogno di dogmi, sette, massonerie che servono solo a fissare dei paletti. CapaRezza ai fan preferisce i simpatizzanti, perché i fan, con le loro aspettative, tendono a fissare i soliti paletti”.

24.00
È brutto iniziare così, ma il dente bisogna toglierlo. Julian è il figlio di Bob. Marley, tanto per capirsi. E per forza che la musica per lui è una cosa che c’è sempre stata, è vita.
Con gli Uprising pubblicò Lions In The Morning, nel 1996, del quale scrisse e arrangiò tutte le canzoni. Il nuovo disco, A Time and Place, è una fusione organica di suoni reggae alle radici e jazz allegro, soul funk, che rappresenta la prossima pietra miliare nel suo sentiero artistico.

Nella foto: Julian Marley

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film