Wikipedia: il sapere è on line - Magazine

Attualità Magazine Mercoledì 7 luglio 2004

Wikipedia: il sapere è on line

Magazine - Si chiama , o Ettorre, e ha trovato il modo di far incontrare i , a Genova, per la prima volta (il 26 giugno). I wikipediani non sono degli extraterrestri, ovvero vivono sulla terra e hanno una generosità da abitanti della luna. Ognuno di loro contribuisce al progetto , un’enciclopedia vera e propria e consultabile gratuitamente su internet. Un lavoro collettivo, a cui tutti possono partecipare con la loro competenza: dalla conoscenza di una ricetta, a materie storiche, geografiche, matematiche e chi più ne ha più ne metta. Wikipedia non è un dizionario, ma un’enciclopedia viva e continuamente aggiornabile e modificabile in circa 70 lingue (tra cui Shqip (Albanian) - (Arabic) - Armâneashti (Aromanian) - Euskara (Basque) - (Cherokee) -Suomeksi (Finnish) - Frysk (Frisian) - Galego (Galician) - (Hindi) - Kurdî (Kurdish) - Bahasa Melayu (Malay) - (Malayalam) - (Mongolian) - Maori - Nahuatl - (Persian) - (Swahili) - (Tamil) - (Urdu) - (Vietnamese) - Volapük - ecc.) che è già tradotta anche in cinese.
Wikipedia, oltre che su Gregorio e i cinesi, conta su uno staff da tutto il mondo, o quasi, di 6.000 redattori volontari, che hanno già prodotto 770.000 voci, di cui 291.000 sono in inglese, ma probabilmente il dato è già vecchio. conta 13820 articoli, ma anche questo dato va invecchiando velocemente.

Il primo incontro di Wikipedia Italia a Genova… Ci racconti?
Per essere precisi, dopo che io ho lanciato l’idea, ci sono stati due pre-incontri: a Milano e a Piacenza. Wikipedia è a tutt’oggi una realtà poco conosciuta, un fenomeno non di massa, nonostante i numeri mondiali e, soprattutto, non è una moda.
È stata un’occasione importante, anche se mi aspettavo molta più affluenza. Abbiamo avuto con noi uno dei fondatori l’americano Jimmy Wales detto Jimbo che è anche il proprietario dei servers sui quali era ospitata Wikipedia - oggi di proprietà della Wikimedia Foundation Inc., organizzazione no-profit.
Come ti è venuta l’idea?
Guardando il programma di Genova Capitale della Cultura 2004, ho notato una carenza rispetto agli argomenti sulla rete. Però mi sembrava un’ottima opportunità, per questo mi sono lanciato (il 25 giugno si è tenuto il dibattito , sulla blogosfera genovese) ed è mia intenzione andare avanti su questa linea e organizzare altre iniziative simili per proseguire la riflessione su alcune tematiche che mi stanno a cuore come il discorso sul free software e l'open source.
L’ho proposta ai wikipediani che all’inizio l’hanno presa come un’occasione per farsi una magnata e quattro risate. Tutto si è svolto via email, fra l’altro io di persona non conoscevo nessuno. Fino al risultato finale che ha portato anche Jimbo a raggiungerci.
Come è avvenuto l’incontro tra te e Wikipedia?
Ne avevo letto anni fa in una rivista di informatica, nemmeno tanto conosciuta – di cui ora non ricordo il nome. C’era un’intervista a Richard Stallman (fondatore del progetto GNU e della Free Software Foundation, ndr) che parlava di software libero e in una parentesi si accennava a Wikipedia. Allora, erano circa tre anni fa, l’ho presa un po’ sottogamba, però l’avevo segnata fra il "do it". Poi ci sono tornato perché il discorso sul free software, sul concetto della collaborazione e dell’interazione sia a livello di chat che di siti mi interessa molto. Mi appassionava l’idea di un luogo dove tramandare la nostra cultura in modo non esclusivo o puramente accademico ma con la partecipazione di tutti.
Ho cominciato scrivendo cose che avevo già sul mio blog, in particolare mi sono occupato di archeologia del computer e la prima cosa che ho scritto era su Apple. Poi ho fatto anche recensioni di film. Quindi, mi è venuta l’idea dell’incontro.
Tutta questa passione per il web e le comunità da dove ti nasce?
Nella vita faccio tutt’altro mestiere, ma di passioni e hobby ne coltivo tanti. L’interesse per il computer è abbastanza antico. All’inizio la predilezione era per smanettare, soprattutto in funzione del lavoro e dell’elaborazione di software di gestione. Un trasporto legato all’attività di programmazione che io concepisco molto come fantasia. Poi, con internet, questa passione si è riversata nell’amore per la comunicazione e la conversazione: chat, forum, newsgroup, blog e quindi Wikipedia in quanto comunità di persone. A questo si aggancia il sentimento per lo scrivere: dalle poesie alle fiabe, dai racconti alle cose che butto sul blog. Lì poi ci va un po’ di tutto magari anche le mie incazzature della giornata, le banalità e le cavolate…

Potrebbe interessarti anche: , Mastoplastica additiva: come affrontare al meglio il post operatorio , Msc Crociere per l'ambiente: prima compagnia crocieristica al mondo a impatto zero di Co2 , Addetto Ufficio Merci: il bando per il corso della Scuola Nazionale Trasporti e Logistica , Veicoli commerciali: tutti i vantaggi del noleggio , Volotea e Dante Aeronautical progettano un aereo ibrido-elettrico per brevi rotte