Concerti Magazine Martedì 6 luglio 2004

Chitarre mai viste

Magazine - Il programma di salta di genere in genere prendendo il meglio in circolazione. Mercoledì 7 e Giovedì 8 luglio gli amanti del jazz e del blues non potranno fare a meno di andare alla Fiera di Genova.
Questa settimana ci spetta un uno-due mica da ridere. Mercoledì - alla Piazza del Mare - suona Pat Metheny. Sullo stesso palco, il giorno dopo, salirà BB King. Inizio ore 21.

Pat Metheny si è guadagnato la popolarità a suon di premi e sonate fuori dal normale. È l’unico musicista ad aver vinto 7 Grammy Award consecutivi. Precocissimo, a diciannove anni insegnava chitarra, e riusciva a farsi prendere nella squadra di Gary Burton, vibrafonista già famoso all'epoca. A ventidue registrava un disco con Jaco Pastorius - Bright Size Life – rimasto negli annali del jazz. Ha collaborato con grandi del jazz tradizionale come Dewey Redman, Michael Brecker, Charlie Haden, e con star del pop/folk, come David Bowie e Joni Mitchell.
Il suo Pat Metheny Group è famoso in tutto il mondo.
E siccome è un eclettico, si è buttato anche nel cinema, scrivendo la colonna sonora di un film new age: Passaggio per il paradiso. La sua apertura ai ritrovati tecnologici lo ha fatto diventare uno dei massimi esperti di synth guitar, è capace di suonare un gruppo ma anche di fare un intero album per chitarra baritono, come One Quiet Night.

Che dire di Riley B.B. (Blues Boy) King. La sua storia è quella del blues. Nato in una piantagione del Mississippi, seguiva la madre predicatrice e il padre chitarrista ai sermoni domenicali della Chiesa Metodista. Inizia a cantare Gospel. A quattordici anni la prima chitarra. Ma il suo ingresso nel mondo della musica avviene in una stazione radiofonica - come dj - dove si fa chiamare Riley King, the blues boy from beale street. Inizia a suonare per strada, finché un cugino bluesman lo fa notare a qualcuno che conta.
Una sera è in una sala di registrazione quando scoppia una rissa fra due uomini per una signorina, Lucille. Grazie a una stufa a kerosene la stanza prende fuoco, c’è un fuggi fuggi generale, ma prima di mollare tutto BB King rientra e prende la sua chitarra. Da lì in poi si chiamerà Lucille.

Dopo il lancio di Three O'Clock Blues ha cominciato a girare il mondo, e non si è fermato per 50 anni. Jimi Hendrix, Eric Clapton, Buddy Guy hanno detto di ispirarsi a lui. E lui dice di sé: «Molte notti sono passate viaggiando, da una città all'altra senza pausa, per oltre 50 anni. Ho registrato moltissimi dischi, ho avuto, come tutti, momenti buoni ed altri cattivi, ma il Blues è stata sempre la costante della mia vita».

Per entrambi i concerti ci sono tre fasce di prezzo: 40, 30 o 20 Eu + prevendita.
I biglietti sono acquistabili on line su

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film