Concerti Magazine Lunedì 5 luglio 2004

L'anima "nera" dei Sensasciou

Magazine - I Sensasciou sono tornati. A dodici anni dalla nascita, dopo vari stop, un Premio Tenco nel 1997, e soprattutto un lungo periodo di malattia di Bob Quadrelli, loro leader spirituale, hanno registrato un nuovo album intitolato Na Bunn-a Sperlenghejua, che uscirà nei negozi a settembre. Dopo avercelo fatto ascoltare, Alberto De Benedetti a.k.a. Bobby Soul, è venuto in redazione a raccontarci come vanno le cose.

Dodici anni son tanti Alberto, ma proviamo a fare una sintesi. Qual è il segreto di questo progetto, che ha incontrato mille difficoltà eppure continua a darvi stimoli? «Tutto è iniziato nel ’92, quando Roberto (Bob) Quadrelli mi dice che ha un’idea. Era il periodo delle colombiane e io - con - avevo fatto un lavoro intitolato Cinquecento anni di sfruttamento. Poi sono nati i Sensasciou, cioè Bob, io e Renato Rassis. La musica nera era la nostra fonte di ispirazione. Abbiamo coniato un nuovo nome per definire il nostro stile, trallamuffin’, ritmo africano e testi in genovese. Bob si è subito dimostrato un vero trascinatore». Nel ’94 esce il primo album, In scio bleu, e poi, nel ’96 il primo scisma. «Sì, per problemi di ego. In quel periodo non andavamo molto d’accordo. Così io sono entrato nei ». Il ’97 è l’anno della consacrazione: Premio Tenco con Generazione con la X. Ma nel periodo successivo un sacco di aspettative vanno all’aria, la vena cala, poi anche la salute se ne va. «La ripresa è avvenuta nel 2002, quando decidiamo di fare una . Ci divertiamo un mondo, Bob mi dice che ha ricominciato a scrivere».

Il frutto del lavoro di questi due anni è Na Bunn-a Sperlengheuja, breve cd ma intenso, in cui la band sembra aver mischiato tutto il bagaglio acquisito negli anni. «Alla fine della registrazione, quasi per gioco, abbiamo detto: “perché non lo mandiamo alla casa editrice?”». Dentro c’è il famoso trallamuffin’, c’è il funk, ci sono suoni e basi prese da repertori molto diversi. Si vede che vi piace la contaminazione. «Sì, ci sentiamo cittadini del mondo. E dell’era postmoderna ci piace il gusto della contraddizione, che una volta era vista solo come un difetto. Mettere insieme suoni contrastanti, parole dure e leggere, elementi distantissimi». Infatti, nelle canzoni si respira odor di spiagge, feste e mare, ma anche di vita dura. «Beh sì, In scio bleu è un remix di un brano del nostro primo album, con la bellissima voce di Laura Mars (e il giro di basso di Amarsi un po’ di Battisti), Massan è la storia di un muratore extracomunitario sfruttato, Cianelu e Green Light for you, July sono collegate, la prima è una canzone su come dovrebbero comportarsi gli uomini con le donne, la seconda riprende l’argomento dal punto di vista femminile. The Loner è la storia di Roberto». L’intro O Prexidente - pensate a chi si riferisce - ha una storia a sé. «Sì, ma è un pretesto per introdurre le altre canzoni, nulla più». E c’è anche una chicca. «Anni fa ho letteralmente rubato la voce di Maini, il signore che sta tutto il giorno alla stazione Principe a parlare». Quel giorno sparava una lista di Presidenti (dei deodoranti, degli yogurt, della yoga, della Saila Menta, dei telegrafisti, della liquirizia corroborante…) che è diventata l’intro di O Prexidente. Fantastico.

Nelle canzoni c'è un miscuglio continuo di lingue, ma loro continuano a puntare sul dialetto. «Sì, perché potrà anche essere limitante, ma ci rende unici». Cos’è la Sperlegheuja? «È un termine antico. Deriva da Perlengheuja, una specie di malocchio. È la pratica con cui il megun (lo stregone) toglie il malocchio. Per noi è anche metafora della musica e del suo ruolo nella vita».
Cosa è cambiato a Genova da quando avete iniziato? «All’epoca era evidente la componente “nera”. Pensa a noi, alle Voci Atroci, ai Blindosbarra. Oggi rimane una forte base di giovani, forse con stili un po’ diversi. C’è sempre il problema degli spazi, e quello del pubblico che a volte scarseggia. D’altra parte Genova è una città con l’età media molto alta». Avete ripreso l’attività live, al concerto del e a quello . Come è andata? «È stato bellissimo. La conferma che la gente continua a sostenerci. Bob è tornato ad essere un centro di energia. Dobbiamo ringraziare per questo anche i nostri musicisti, che suonano pure nella Banda del Culo Nero e nei Les Gastones: Davide “Zaza” Pasolini alla batteria, Lucas Evangelista al basso e Matteo Michillo alle tastiere».

Prossimo appuntamento: Goa Boa, poi – a fine luglio – la presentazione dell’album alla Fnac, e a settembre il disco sarà in tutti negozi.

Nella foto in alto: Bobby Soul e Bob Quadrelli in studio

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Overlord Di Julius Avery Azione, Horror U.S.A., 2018 Seconda Guerra Mondiale. A poche ore dal D-day un gruppo di paracadutisti americani, vengono incaricati di penetrare nel territorio Francese occupato, per distruggere il trasmettitore radio che si trova in cima al campanile di una chiesa. Guarda la scheda del film