Il Collezionista: IIa parte - Magazine

Il Collezionista

IIa parte

Mostre e musei Magazine Sabato 3 luglio 2004



Perché l’arte contemporanea e in particolare i giovani?
«Perché credo che a noi spetti il ruolo di vivere il nostro tempo. Certo il passato è un valore, però se vogliamo che l’arte esista sempre, dobbiamo dare un aiuto a chi lavora adesso. È bello che ogni tempo abbia qualcosa di contemporaneo, qualcosa che resti a rappresentazione di un’epoca».
Da dove o da cosa nasce il tuo amore per l’arte?
«È un istinto. Direi fascino del colore. In tutta la mia collezione predominano gli astratti. Anche nelle foto mi piacciono i ritocchi o i giochi di luci e colore su foto di sculture».
Come compri?
«Sono noioso. Prima guardo, quando trovo il pezzo giusto, lo metto sotto la pila, così che il prossimo cliente magari non lo trova. L’acquisto lo decido dopo due o tre volte che vedo un pezzo. Spesso il fatto che nessuno l’abbia comprato in quell’intervallo mi dà la sensazione che quell’opera fosse proprio destinata a me. Per la “balena” della O’Neil invece è stato amore a prima vista. Un pezzo scelto subito, ho detto a Francesca (Berruti, della Galleria Pinksummer ndr): "La balena rosa considerala venduta”. In genere mi voglio documentare sull'artista e sulla sua produzione prima di decidere».
A che punto è il collezionismo d'arte contemporanea oggi?
«È vivissimo. Non tanto a Genova quanto in Lombardia. Lì si incontrano anche giovani che collezionano. Anche Torino è ricca di appassionati, comunque a Genova quelli che ci sono si muovono bene e sono competenti».
Mi dici quattro nomi di artisti, che ti stanno particolarmente a cuore all'interno della tua collezione?
«James Casebere, fotografo.
Tony Oursler, pittore su acrilico.
Jan Fabre, anche celebre regista.
Marco Cingolani, pittore».
Quale desiderio ancora non hai soddisfatto?
«Avere una foto della performance 48 di , fatta in occasione del G8 a Genova».

La chiacchierata è finita, ma il discorso con Gilbero continua e, forse, troveremo il modo di far prendere aria alla sua preziosa collezione, un modo preferibilmente divertente e festoso...

Potrebbe interessarti anche: , 10 musei da visitare online, dal Louvre al Vaticano: la cultura sfida il Coronavirus

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!