Magazine Giovedì 1 luglio 2004

Intervista a Ermanno Eandi

6) Il tuo grande amore per il Torino Calcio, è stato immortalato con poster poetico per il 50° anniversario della tragedia del Grande Torino a Superga, cos’è il Torino per Te?
Sì, sono un tifoso granata. La sua leggenda mi ha colpito, la sua maglia e la sua gente catturato a vita. Il Toro è un modo di vivere, è essere contro, è liberarsi dalla orrenda schiavitù della vittoria a tutti i costi, è tifare per Ettore nell’Iliade.

7) Una curiosità, ci racconti di quando la RAI ha trasmesso in Eurovisione una tua poesia in occasione dell’ostensione della S. Sindone e della venuta del Papa a Torino?
A volte il fato aiuta, il mio era un modesto pensiero sulla Sindone e su tutte le ricerche scientifiche effettuate su questo mistico telo. La frase è “la scienza studia Dio, ma Dio ha creato la scienza”, piacque e nel 1998 durante la diretta RAI per la venuta del Papa a Torino fu letta da Mario Trematore (il vigile del fuoco che la salvò dal rogo) in Eurovisione.

8) C'è una tua poesia (contenuta nel volume "La poesia salverà il mondo", nuovimondi media, ndr) che tutte le volte che ho l'onore di leggerla in pubblico, riceve un lunghissimo applauso dal titolo "e vivono benissimo", come è nata e da chi ti è stata ispirata?
È dedicata agli ipocriti, a coloro che hanno una vita esteticamente perfetta, ma totalmente inutile, che lodano il cane e maltrattano i figli, che non hanno sogni perché hanno paura, perché sono morti da sempre… vivendo benissimo.

9) Chi sono i poeti?
Sono uomini crudi con la carne acerba, sono vento, sono rabbia, sono coriandoli e sono bagnati dal mare della sensibilità in un oceano d’amore dove a volte naufragano.

10) Tu collabori anche con cantautori, gruppi (dal rock alla musica celtica), solisti d’arpa e flauto, insomma la poesia ovunque?
Diciamo dove posso. Attualmente collaboro con trio jazz e un coro Gospel con una performance poetica intitolata “Dove sarò ieri” lo spettacolo dura un’ora è breve ma efficace. Lavoro da solo come artista, ospite e amico dell’arte e dello sport.

11) Ritornando alla tua rubrica sul "Tuttosport", se qualche lettore vuole inviarti delle poesie e concorrere alla pubblicazione sul quotidiano come deve fare?
Può inviare direttamente a me i suoi versi () oppure spedirli a TUTTOSPORT Corso Svizzera, 105 – 10139 Torino o inviarle al fax 011/7773483, ricordo che la lunghezza massima è venti versi.

12) A quando una Antologia di poesia tutta sportiva?
A dire il vero, sono il curatore dell’antologia poetica “Sportiamoci in versi” per la casa editrice Bradipolibri, tutti gli anni presentiamo l’opera alla “Fiera del libro” di Torino e molti autori presenti sono quelli che mi aiutano al Tuttosport.

Auguro a tutti di sognare ad occhi aperti e di stupirsi quotidianamente per la bellezza della vita.

Ivano Malcotti
di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Educazione siberiana Di Gabriele Salvatores Drammatico Italia, 2011 Prima della divisione dell'URSS, al confine tra Moldavia e Ucraina, una comunità di "criminali onesti", deportati lì negli anni '30 da Stalin, vive rispettando un codice etico (divieto a qualsiasi tipo di droga e rispetto per gli anziani... Guarda la scheda del film