Magazine Giovedì 1 luglio 2004

Intervista a Ermanno Eandi

Dopo quasi un anno e mezzo il quotidiano Tuttosport e il poeta Ermanno Eandi, (conosciuto dal pubblico genovese per la partecipazione nel 2002 e 2003 al Festival di Poesia di Palazzo Ducale) riaprono la rubrica settimanale di poesia sportiva Sensi inVersi, tutti i martedì uno spazio fisso per tutti gli appassionati di poesia sportiva. Sensi in versi: perché lo sport è tattile, per immergersi nel profumo dello spogliatoio, udire le emozioni, vedere l’attimo perfetto, gustare il sublime, il prezioso che è insito in ogni disciplina. InVersi: perché le sillabe correranno al ritmo della poesia, per stoppare la follia del razzismo, del doping e della violenza e invertire la negatività dello sport con garbo e raffinatezza. Per i poeti che desiderano inviare i loro testi ecco come fare:

La lunghezza massima è venti versi, le poesie dovranno essere inviate per e-mail a o spedite a: TUTTOSPORT – Corso Svizzera 185 -10149 Torino o per fax al numero 011/7773483

mentelocale ha intervistato Ermanno Eandi:

1) Da sabato 5 giugno hai ripreso a pubblicare la tua rubrica di poesia sullo sport sul quotidiano "Tuttosport". Ermanno, cosa significa portare la poesia in un giornale sportivo? Lo sport è emozione, rabbia, gioia, delusione, attesa, amore per la propria squadra, questi ingredienti li troviamo anche e soprattutto nella poesia. Portare la poesia in un quotidiano sportivo è la voglia di coniugare sport e cultura, perché lo sport ha un’anima, inoltre con garbo gli autori affrontano tematiche difficili come il doping, la violenza negli stadi.

2) Hai avuto altre esperienze giornalistiche di questo tipo? Sì, ho una rubrica “Torino in Versi” sul quotidiano Torino Cronaca, dove settimanalmente scrivo una poesia dedicata alla città in cui risiedo.

3) Quante poesie sportive hai nel tuo archivio personale?
Moltissime, penso più di cinquecento e per questo ringrazio gli autori che mi hanno seguito ed aiutato con i loro preziosi versi.

4) È vero che Nel Museo “Fausto Coppi” della casa natìa di Castellania è stata inserita una tua poesia dedicata al Campione?
Verissimo, due anni fa il Museo Fausto Coppi ha donato una stanza a TUTTOSPORT, il Direttore Xavier Jacobelli mi chiese di realizzare una poesia per l’evento, è piaciuta ed è stata inserita nella stanza su un cavalletto da pittore.

5) Realizzi Cartoline e poster poetici; le fotografie oppure i dipinti di queste opere come sono scelte? Collabori con artisti?
È un modo nuovo di proporre la poesia, una immagine efficace e un breve aforisma, celere ed aggressivo, per invogliare la gente a leggere versi. Le immagini o le realizzo personalmente o, meglio, utilizzo quelle di pittori e scultori. Non cerco nomi blasonati, ma amici che pittano o scolpiscono. Scelgo le opere in base alle sensazioni che provo. I poster poetici sono le cartoline ingrandite in formato A3, eseguo mostre di poequadri, numerati e firmati. Sono usati per ingentilire locali, case: è bello pensare di appendere in casa una poesia!



Ivano Malcotti
di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Comizi d'amore Di Pier Paolo Pasolini documentario Italia, 1964 Inchiesta su amore e sesso nell'Italia degli anni '60, composta da un prologo (P.P. Pasolini che discute con A. Moravia e C. Musatti), e quattro capitoli 1) Grande fritto misto all'italiana; 2) Schifo o pietà; 3) La vera Italia?; 4) Dal basso e... Guarda la scheda del film