Weekend Magazine Lunedì 15 gennaio 2001

E se rompo il telaio della bici?

E’ abbastanza raro, direte voi, ma in caso di sfighe terribili e concentrate, può capitare. Soprattutto se usa la bici in modo abbastanza brutale.
Normalmente si chiama il negoziante, o peggio, l’azienda specifica che, se fuori garanzia, prontamente propone l’acquisto del telaio nuovo sostitutivo, magari per X milioni. Prima di rassegnarsi e produrre un flusso di improperi e bestemmie è bene fare un passo in questa officina per vedere se si riesce a combinare qualcosa.
A Molassana, i due meccanici di Happy bike, Carlo e Andrea, dispongono di un locale molto attrezzato, con dima, levigatraci, torni, saldatrici, liquidi per individuare le cricche e tutto il resto. E’ probabile che riescano a rimediare a quasi tutto per una spesa ragionevole. Se vi occorre possono anche fabbricare particolari componenti, tipo attacchi per freni, fazzoletti di rinforzo etc.., il più delle volte reperibili altrove solo dopo interminabili attese. Sorprendentemente ho scoperto che è possibile anche rimediare a eventuali ammaccature e piccole deformazioni.
Manutenzione a parte, possono anche costruirvi da zero un telaio su misura assemblando i singoli tubi, dopo aver scelto dimensioni e geometrie. Si tratta di una procedura davvero affascinante da osservare. Non so voi ma io rimango abbastanza ipnotizzato quando vedo realizzare queste cose.
Oltre all’officina tengono anche un po’ di modelli di DART e K2 più un gran numero di componenti usati e nuovi.
Eccovi l’indirizzo: Happy Bike, Via Lungo Bisagno Istria, 29 J-R. Tel/Fax: 010-8361784. Il lunedì sono chiusi tutto il giorno.

Oggi al cinema

L'apparizione Di Xavier Giannoli Drammatico Francia, 2018 Vincent Lindon è Jacques, un famoso reporter di guerra che viene inaspettatamente reclutato dal Vaticano per indagare su un’apparizione avvenuta in un villaggio della Francia. Anna, orfana e novizia, afferma di aver visto la Vergine Maria. Lo straordinario... Guarda la scheda del film