Concerti Magazine Martedì 15 giugno 2004

Studenti serpenti o competenti?

Sono studentesse e studenti.
Hanno un loro budget.
Devono organizzare eventi o attività per loro stessi.
Si identificano in un organo da loro eletto e costituito: la Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti.
Quest'anno questi ragazzi/e hanno incontrato il e, in particolare, il , vi hanno preso parte per dar vita insieme all'Associazione Psyco ad una seconda edizione del Goa Boa School Select, il concorso per selezionare i gruppi emergenti di giovanissimi che riceveranno premi e la possibilità di esibirsi dal vivo al festival.

La presidentessa della Consulta è Teresa Solis: diciotto anni, voce limpida e decisa, vocabolario forbito e piena coscienza del compito che le è stato affidato. Grande entusiasmo ma anche lucida osservazione di una certa indifferenza verso i giovani e quello che realmente sono capaci di fare se "presi in considerazione". Teresa oggi è impegnata alla maturità, sogna di entrare a Medicina oppure di iscriversi a Lettere: "ma sarebbe solo per diletto personale e non una vera prospettiva professionale".
"Vorrei iscrivermi a Logopedia, una laurea breve (tre anni), che prepara ad un lavoro teso alla riabilitazione linguistica di diversi tipi di pazienti". Dalle quattro chiacchiere al telefono, noi, l'abbiamo già stra-promossa. In bocca al lupo.

Chi siete?
La Consulta è un organo elettivo che prevede due rappresentanti per ogni istituto superiore della Provincia. Siamo circa 150, però si sa che poi chi partecipa non è mai la totalità. Ci riuniamo circa una volta al mese e ovviamente a ridosso delle attività il lavoro si intensifica. Abbiamo un ufficio e un budget di una certa consistenza, che ci viene direttamente dal Ministero.

Quali sono i vostri obiettivi? Quali le attività?
Il nostro compito è organizzare iniziative per gli studenti, di vario genere. La Consulta è nata 10 anni fa e all'inizio promuoveva fondamentalmente l'attività voluta dal Ministero che consisteva nella "giornata dell'arte". In queste occasioni venivano coinvolti soprattutto i licei artistici sulle diverse forme di espressione d'arti plastiche e figurative. Tre anni fa è nata una rassegna musicale. Però si è spesso trattato di eventi che coinvolgevano gli studenti/esse solo come spettatori. Per esempio l'anno scorso c'è stato il cineforum, l'anno prima un corso di formazione sulla riforma.

Cosa cambia con l'iniziativa congiunta di quest'anno con l'associazione Psycho e l'inserimento nel Goa Boa?
Speriamo sia l'inizio di una maggiore visibilità per noi e per quello che facciamo. Speriamo si smetta di intendere gli studenti solo come spettatori. Aggangiandoci a un evento che ha un suo nome, una sua riconoscibilità speriamo di richiamare un più largo pubblico e dimostrare la nostra attività. Spesso si dice che i ragazzi non hanno voglia di fare, però poi, se fai, nessuno se ne accorge: allora vorremmo sensibilizzare "l'altra parte"; creare quella credibilità che invogli altri istituti a mettersi in gioco. Quando ci è venuta in mente l'idea del concorso musicale abbiamo subito sentito l'esigenza di dargli peso, trovare una legittimazione. Psycho stava già organizzando il Goa Boa School Select... ci siamo venuti incontro.
È il primo anno che entriamo davvero in gioco. A fianco del concorso stiamo organizzando anche attività collaterali: degustazione di prodotti tipici, interventi del Teatro Scalzo, un gruppo di universitari di Arquata che propone teatro di strada.

La selezione è già in corso e va avanti fino al 19 e poi...
Verrano selezionati 12 gruppi da cui usciranno i tre vincitori. Ai dodici verrà regalato l'abbonamento al Goa Boa, mentre ai vincitori andrà l'onore di aprire le 3 serate di Goa Boa 04 (uno per data), un buono di 2000 euro per acquistare materiali musicali e tecnici, e la possibilità di esibirsi in tour in varie FNAC e nei locali cittadini(Milk, Fitzcarraldo, ecc.)
L'appuntamento per vedere i tre gruppi selezionati è il 19 giugno dalle 18 alla Piazza del Mare, Fiera di Genova, ingresso gratuito.

È stato facile creare questa sinergia?
No, bisogna sbattersi e parecchio. Per questo abbiamo scelto un unico evento. Fin dall'inizio abbiamo stabilito che non ci interessava occuparci di iniziative esorbitanti e che volevano seguire un sola cosa. Sono due anni che partecipo alla Consulta e devo dire che il gruppo di quest'anno (un nucleo di 15 persone) è davvero buono. Tutti sono stati dietro al progetto con grande passione.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Un affare di famiglia Di Kore'eda Hirokazu Drammatico Giappone, 2018 Dopo uno dei loro furti, Osamu e suo figlio si imbattono in una ragazzina in mezzo ad un freddo glaciale. Dapprima riluttante ad accoglierla, la moglie di Osamu acconsente ad occuparsi di lei dopo aver appreso le difficoltà che la aspettano. Benché... Guarda la scheda del film