L'Italia è un giardino (di ricerche estetiche agresti), mostra collettiva - Lecco

L'Italia è un giardino (di ricerche estetiche agresti), mostra collettiva - Bellano - Lecco

03/11/2021

Fino a sabato 19 marzo 2022

© Carlo Borlenghi

CalendarioDate, orari e biglietti

Lecco - Dal 23 ottobre 2021 al 19 marzo 2022 lo Spazio Circolo di via Manzoni 50 a Bellano (Lecco) ospita la mostra L'Italia è un giardino (di ricerche estetiche agresti) a cura di Geraldine Blais

Lecco - La mostra racchiude in una collettiva le opere di Chiara Camoni, Francesco Carone, Gianluca Concialdi, Diego Perrone, Alberto Scodro, Sofia Silva, Silvia Stefani e Danilo Vitali e comprende anche opere documentative degli ArchiViVitali e un’opera di Joseph Beuys, gentilmente concessa dalla Collezione Luigi Bonotto, Fondazione Bonotto, Colceresa (Vicenza).

Lecco - Non lontano dalle liriche poetiche dei lungometraggi di Giuseppe Taffarel e Ermanno Olmi, in cui la vita rurale e contadina dettava l’estetica visiva di un’epoca, il progetto L'Italia è un giardino (di ricerche estetiche agresti) riunisce alcune delle presenze più significative del panorama italiano, che pongono al centro della propria indagine l’esperienza con la natura, osservata, contemplata, condivisa, inclusa e adoperata come soluzione interpretativa al linguaggio culturale dei nostri tempi. Nel tentativo di intraprendere una riflessione estetica intorno alle fenomenologie artistiche contemporanee che indirizzano la dimensione creativa verso l’ambiente naturale - inteso come quell’universo di risorse che caratterizzano l’ecosistema di un territorio in cui l'essere umano vive e lavora -, l'itinerario espositivo identifica pratiche che interpretano l’habitat come il risultato di un equilibrio fra uomo e natura, allestendo un repertorio espressivo che restituisce al significato di locus non solo immagini e figurazioni del paesaggio e della vita agreste, ma anche attitudini e gesti di contadini, agricoltori e pastori.

Dall’origine dell’etimo «cultura», da cui trae spunto l’intento espositivo, derivato latino di colĕre ovvero «coltivare», si apprende che la genesi dell’insieme delle conoscenze relative a una particolare disciplina o di quel complesso di cognizioni intellettuali e pratiche che un individuo acquisisce attraverso lo studio e l’esperienza, fa riferimento a quella serie di attività che l'uomo esercita nel curare la terra e nel prendersene cura; risultando che il binomio uomo natura cosicché arte e qualsivoglia agricoltura, siano forme direttamente e inequivocabilmente congiunte.

Il noto artista tedesco Joseph Beuys affronta questi temi in particolare in due momenti: Fondazione per la Rinascita dell'Agricoltura, tenutasi il 12 febbraio 1978, a Pescara, e Difesa Della Natura, avvenuta il 13 maggio del 1984, a Bolognano, in Abruzzo, nella tenuta di Lucrezia De Domizio Durini, in cui avviene la prima piantumazione della quercia italiana, anticipando il lavoro delle 7000 Eichen di Kassel. È la biografia medesima di Joseph Beuys a confermare l'ontologia del progetto espositivo: l'artista prima di istituire il suo manifesto e farsi conoscere per l'eredità artistica a lui consacrata, trascorse circa un anno tra il 1956 e il 1957, nella fattoria di amici collezionisti, i fratelli Franz Joseph e Hans Van Der Grinten, prendendosi cura di 15 vacche e 20 maiali. Un percorso terapeutico intrapreso per alleviare il suo stato depressivo, sopraggiunto dopo l'esperienza della guerra e della vita accademica.

Al fine di descrivere le connotazioni fra il progetto presentato e il luogo che lo ospita, in cui hanno sede gli ArchiViVitali, introduce il percorso espositivo la testimonianza etnografica e storiografica delle attività e delle tradizioni agricole e pastorizie legate al territorio. Nell’androne d’ingresso sono infatti esposti reperti, attrezzi e strumenti da lavoro della tradizione locale, alcuni provenienti dall’eclettica collezione del Museo del Latte e della storia della Muggiasca di Vendrogno (Lecco).

L'inaugurazione è fissata per le ore 17.00 di sabato 23 ottobre 2021. La mostra è poi aperta al pubblico fino a sabato 19 marzo 2022 il venerdì dalle 16.00 alle 18.00 e il sabato e la domenica dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00. Ulteriori informazioni via email.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 07/12/2021 alle ore 18:57.

Potrebbe interessarti anche: Palazzo Delle Paure, Lecco, fino al 31 dicembre 2021 , Villa Manzoni, Lecco, fino al 31 dicembre 2021 , Villa Monastero, Lecco, fino al 27 febbraio 2022 , Ritorno a Lecco, mostra di Mauro Benati, Lecco, fino al 12 dicembre 2021

Scopri cosa fare oggi a Lecco consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Lecco.