Caffeine 2019: incontri con la danza contemporanea, spettacoli e laboratori - Lecco

Caffeine 2019: incontri con la danza contemporanea, spettacoli e laboratori - - Lecco

04/09/2019

Fino a sabato 12 ottobre 2019

Mami Wata

TERMINATO

Lecco - Una rassegna dedicata alle esperienze sceniche espressive e ai linguaggi del corpo, portati nei luoghi non convenzionali nelle province di Lecco e Monza e Brianza. Torna per la decima edizione il festival Caffeine. Incontri con la Danza, in programma da sabato 14 settembre a sabato 12 ottobre 2019.

Lecco - La danza contemporanea e il teatro danza sono al centro di questo programma ideato da Piccoli Idilli, che abita ville e luoghi più belli della Brianza con spettacolishorts, laboratori di formazione (gratuiti e per tutti), site specific e debutti in prima nazionale. La mission di Caffeine è quella di far comprendere quanto corpo e fisicità condizionino indissolubilmente carattere e cultura, ma anche politica e società.

Lecco - Novità di quest'anno è la pluralità e la ricchezza di laboratori, aperti a tutti, con particolare attenzione a bambinifamiglie e agli over 60, con insegnanti qualificati provenienti da tutta Europa e capaci di rimetterci in contatto con la nostra fisicità, condividendola con gli altri e portandola in scena senza imbarazzi e pudori.

Non manca in questa decima edizione uno sguardo dedicato ai temi della migrazione e della multiculturalità, oggi più che mai indispensabili per declinare il tempo presente con le sue lacerazioni e complessità. Debuttano infatti Mami Wata (con attrici e danzatrici under 21 non professioniste di origine africana) e L'assedio (progetto di teatro-danza affidato alla guida del coreografo libanese Bassam Abou Diab e un cast internazionale di attori e danzatori).

Di seguito, il programma di spettacoli in programma per la rassegna di danza contemporanea Caffeine 2019.

  • Sabato 14 settembre, a Villa Concordia in via Fumagalli a Robbiate (Lecco) - Alle 17.00 performance di danza e musica dal vivo rivolta a tutta la famiglia Piccole Meraviglie della Compagnia Takla Improvising Group, con l’interazione dei bambini. Alle ore 18.30 brindisi con aperitivo; dalle 20.00 nella sala consiliare va in scena Sarai, spettacolo manifesto di Fattoria Vittadini con la coreografia di Francesca Penzo, in scena con il padre Roberto. Un lavoro poetico e sincero con la drammaturgia di Giulia Tollis e un viaggio di corpi che si amano in cerca di un nuovo linguaggio, autori e interpreti del loro essere di oggi, consapevoli che il tempo che si stanno concedendo è uno dei regali più preziosi
  • Domenica 15 settembre, sempre a Villa Concordia a Robbiate (Lecco) - Alle 18.00 performance di teatro danza e musica Se fossi albero (Piccoli Idilli/Scuola di musica San Francesco/P&A), a ingresso gratuito, dedicata alla poesia per l'infanzia, a cura di Elisabetta Bosetto, Alberto Longhi e Filippo Ughi. Uno spettacolo intenso e festoso in cui i linguaggi diversi si cercano e intrecciano con leggerezza e precisione
  • Sabato 21 settembre, presso l'Anfiteatro in piazza Don Limonta a Lomagna (Lecco) - Alle 19.00in scena Cafunè della compagnia catalana Du'k'to, con Bàrbara Vidal, Bernat Messeguer e Adrià Bauzà diretti da Pau Portabella con le coreografie di Inka García, lavoro sull'armonia e l'equilibrio tra due persone che giocano e lottano per crescere insieme attraverso un gioco di manipolazione, disaccordi e collisioni. Cafunè è infatti un termine portoghese che significa accarezzare dolcemente i capelli dell'amato. Un lavoro di teatro-danza, tra acrobatica e arte di strada, per la prima volta in Italia.
  • Domenica 22 settembre, nella Cascina Butto a Montevecchia (Lecco) - Alle 17.30 debutta la Compagnia Naturalis Labor prima con Oro d'Ore, un'invocazione e una promessa, ispirata al Libro d'ore di Rilke, e poi con Silviae, ispirato a un profumo, le Fleur de peau, capace di unire l’erotismo della pelle e dei boschi in una danza che è un mix di innocenza e malizia (entrambi i lavori per la regia e coreografia di Silvia Bertoncelli in scena con Sara Cavalieri, Jessica D’Angelo, Mirko Paparusso e Paolo Ottoboni)
  • Sabato 28 settembre, nel giardino di Villa Greppi di Monticello Brianza (Lecco) - Alle 18.00 torna la Compagnia Sanpapiè con A[1] Bit, coreografia di Lara Guidetti e drammaturgia di Marcello Gori (in scena Fabrizio Calanna, Sofia Casprini, Giuseppe Morello, Matteo Sacco, Lara Viscuso e i danzatori di DanceHausPiù). Un'opera di danza itinerante per spettatore singolo che nasce dalla 1-Bit Symphony dell’artista newyorkese Tristan Perich, manifesto dell’elettronica post-modern
  • Domenica 29 settembre, in piazza Pertini a Usmate Velate (Monza e Brianza) - Alle 18.00 Dejà Donné mette in scena l'audace Tre | 14, coreografia di Virginia Spallarossa e regia di Gilles Toutevoix (con Andrea Rampazzo, Chiara Burla e Nicholas Guido).Un numero infinito nel quale ogni combinazione di numeri è possibile e infinite coincidenze che generano infinite combinazioni di lettere e ogni messaggio mai scritto. Alle 18.30 C&C Company presenta A peso morto di e con Carlo Massari e con le maschere di Lee Ellis, per raccontare di fotogrammi di una periferia senza tempo e identità: uno studio open-air sul vuoto, sul non ricordare perché eravamo lì e cosa ci eravamo venuti a fare
  • Sabato 5 ottobre, nella Sala Consiliare di Robbiate (Lecco) - Alle 21.00 Piccoli idilli e Tamburi nella notte debuttano con Mami Wata, uno spettacolo di Filippo Ughi (anche alla regia insieme a Bintou Ouattara) con in scena Djamila Coulibaly, Mariana De Freitas Mothè, Assiatou Kondo e Claudia Mbudi Kita in collaborazione con Ibrahim Ouattara e Issa Sanou. Un percorso di ricerca teatrale che mette in scena l'identità delle ragazze africane di seconda generazione, immigrate e figlie di immigrati
  • Sabato 12 ottobre, nello spazio Fabrizio de Andrè in via Matteotti a Osnago (Lecco) - Alle 21.00 il festival si chiude con L'Assedio/The Siege, un progetto sperimentale e interculturale di teatro-danza, dentro il quale i danzatori e gli attori - un collettivo di artisti provenienti da Libano, Italia, Burkina Faso, Argentina e Romania - diretti dal coreografo libanese Bassam Abou Diab e dalla regista Monica Ciarcelluti della Compagnia Arterie svilupperanno i temi della guerra e della dominanza. Un viaggio che utilizzando gesti e connotazioni dei rituali religiosi islamici, prova a far dialogare Oriente e Occidente.

E i laboratori? Tante le iniziative in programma adatte al pubblico più vario:

  • Domenica 15 settembre, nel giardino della scuola primaria in via del fontanile a Montevecchia (dalle 14.30 alle 16.30) la danzatrice Rosita Mariani conduce Il tempo dell'Albero, camminata esperienziale per un incontro tra corpo e natura in cui il bosco sarà luogo di un prezioso incontro tra persone, natura e arte, in una forma semplice e aperta a tutti, che offrirà un tempo nel quale dedicarsi all’ascolto, al movimento e alla danza
  • Venerdì 20 settembre a Villa Concordia di Robbiate (dalle 18.00 alle 20.00) Marina Rossi, danzatrice e coreografa conduce Ticket Dance, conduce un laboratorio per over 60 (non sono richieste esperienze pregresse), per sperimentare alcuni temi fondamentali della danza contemporanea, concentrandosi su azioni semplici e quotidiane che arricchite di immagini, di dinamiche di movimento, di pause e silenzi, divengono partiture di danza. Un lavoro influenzato dalla pratica delle arti marziali: karatè, tai chi e aikido
  • Sabato 21 settembre a Lomagna (dalle 17.00 alle 19.00) si tiene Primi Salti, laboratorio interculturale di danza africana per bambini e ragazzi (dai 6 ai 13 anni), condotto da Bintou Outtara, attrice al Centro Desire Some a Bobo Dioulasso in Burkina Faso. Perchè la danza in Africa è tradizionalmente parte di un progetto educativo con cui si tramanda l’identità culturale condivisa di una popolazione e può offrire ai più giovani l'opportunità di lavorare sul proprio corpo in modo divertente ed espressivo
  • Domenica 22 settembre, a Robbiate (dalle 18.00 alle 20.00) Bambini in Movimento, laboratorio per piccoli tra i 5 e i 7 anni (e i loro genitori), ispirato al racconto L’orso che non c’era di Oren Lavie e Wolf Erlbruch, condotto da Cinzia Severino, danzatrice ed insegnante di danza. Il laboratorio vede i bambini e i loro genitori esplorare insieme su come i nostri sensi possano guidarci nel movimento per trovare il nostro personale essere orso nella nostra personale foresta

Info e biglietti

L'accesso agli spettacoli di danza Cafeine richiede un biglietto intero di 8 euro (ridotto 5 euro per gli under 18). Gli eventi dedicati al pubblico più giovane (Piccole Meraviglie e Mami Wata) hanno un biglietto unico a 5 euro. La performance Se fossi albero di Piccoli Idilli è ad ingresso libero.

Tutti i laboratori sono gratuiti, con iscrizione e tesseramento obbligatori a 10 euro. Per informazioni e prenotazioni telefonare al 338 3668167 o scrivere all'indirizzo email.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 22/10/2019 alle ore 13:15.

Potrebbe interessarti anche: Sporco negro, Lecco, 9 novembre 2019 , Cappuccetto blues, Lecco, 27 ottobre 2019 , La principessa e il drago, Lecco, 10 novembre 2019 , Rita Pelusio in Eva diario di una costola, Lecco, 18 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Lecco consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Lecco.