Una Fortezza militare per fare cultura - La Spezia

Libri La Spezia Martedì 26 agosto 2003

Una Fortezza militare per fare cultura

La Spezia - Per chi è di quelle parti, l'Isola della Palmaria è, insieme al Tino, la bellissima e rassicurante scogliera verdeggiante che addomestica il mare del golfo rendendolo simile ad un grande lago.
Là, distesa, protegge e rassicura e allo stesso tempo resta distante, selvaggia e indomata dai 22 residenti da cui si lascia abitare.
Per chi è di quelle parti è la meta per le passeggiate primaverili e i primi bagni.
Per chi è di quelle parti "è rimasta intatta grazie ai militari".
Ma per molti, indigeni e non, l'Isola della Palmaria è la caletta dell'Ammiraglio o il Pozzale dove ormeggiare per la giornata o giungere in tranghetto sulla spiaggia e fare un tuffo nell'acqua pulita. Per molti è anche meta gastronomica.
Di certo è un paradiso naturale, quadro di natura vivente incorniciato dentro numerose finestre di Lerici.

Dal 24 luglio l'isola è stata destinata ad aprire una nuova prospettiva a tutti, belli e brutti vicini e lontani, e diventare meta culturale. Dopo la ristrutturazione e la trasformazione della Fortezza Umberto I, un tempo carcere militare, la e, in particolare, l'artista visivo Marco Nereo Rotelli (a cui è stata affidata, dal Comune di Portovenere, la direzione artistica del centro per i prossimi cinque anni) hanno ideato una serie di appuntamenti culturali. La Fortezza dell’Isola Palmaria, rinominata Fortezza del mare (è infatti in fase di allestimento il museo del mare) è un Centro di Cultura della Civiltà del Mare, che contiene spazi espositivi, congressuali e laboratori didattici di archeologia subacquea e scienze del mare. Fedele alla sua poetica, Rotelli nel suo programma mette a confronto arte, poesia e musica con la convinzione che dal loro conversare le tre arti trovino maggior forza.

Il centro culturale è visitabile tutti i fine settimana (vedi sotto), ma per tutti il prossimo appuntamento è mercoledì 27 agosto dalle 17 alle 22 (circa) per un lungo pomeriggio di fine estate dedicato al motto della Beat Generation Pace e amore. Sarà questa la speciale occasione che vedrà protagonista Fernanda Pivano, scrittrice, saggista e traduttrice, alla quale, per il suo duraturo impegno intellettuale, verrà assegnato il Premio per la Pace Palmaria 2003. Iniziativa nata da un felice incontro artistico tra la Pivano e Rotelli in occasione dello sviluppo di un lavoro di poesia visiva dell'artista sull'11 settembre.
L'incrocio del percorso artistico di Rotelli con la scrittrice coinciderà sull'isola con un ulteriore incontro, attraverso le opere esposte per la mostra "Pace e amore", con un gruppo significativo di giovani artisti italiani (circa una quarantina in tutto tra cui Andrea Chiodo, abitante della Palmaria e pittore che si ispira a Sironi, distaccandosi dalle avanguardie del momento senza chiudersi; Lorenzo D'Anteo, pittore figurativo dal percorso altrettanto personale e il numeroso collettivo Attraversarte di Cremona).

Come ha sottolineato Riccardo Lisi, organizzatore e ufficio stampa della Fondazione, "Il tema Pace e amore", che in italiano può risultare un po' mieloso, "è stato sviluppato in modo talmente istintivo dalla Beat Generation da risultare totalmente naturale. Una parola d'ordine valida per i giovani di allora, ma anche per quelli di oggi. Anche per questo Fernanda Pivano, ponte fra le due generazioni, è la protagonista d'eccezione di questo evento".
Dopo il vernissage e la premiazione Fernanda Pivano darà vita a un reading poetico, pratica performativa che lei stessa portò in Italia dall'America della Beat Generation. Alla lettura parteciperanno anche la poetessa Dodi Mariotti, il poeta italo-americano Luciano Mezzetta (Tellarino di adozione) e il jazzista Mauro Avanzini che intreccerà le sue improvvisazioni al sax con le parole dei poeti.

L’isola della Palmaria dista da Porto Venere solo cinque minuti di barca: si traversa piacevolmente uno specchio d’acqua sempre tranquillo. Ci sono collegamenti anche da La Spezia. Per informazioni logistiche (orari di apertura e mezzi per giungere alla Palmaria) si può chiamare il numero mobile 339 8678281.
Orari di apertura della Fortezza del mare:
venerdì, sabato, domenica 10-12 e 15-18 Ingresso 6 euro.
Eventuali ulteriori aperture per gruppi su appuntamento.

Scopri cosa fare oggi a La Spezia consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a La Spezia.