Concerti La Spezia Venerdì 31 luglio 2009

a

Genova - Alla fine del concerto della Lincoln Center Jazz Orchestra, facendomi largo tra una folla di fan che chiede foto e autografi, riesco, insieme a due importanti giornalisti e pochi altri eletti, ad avere un piccolo colloquio con Mr.Winton Marsalis. Alla domanda su Quanto la musica di New Orleans abbia influenzato il suo modo di suonare, Mr Marsalis risponde che la cultura di New Orleans è assolutamente insita nel suo modo di suonare e comporre. Lui, che proviene dalla città dove il jazz è nato e dove la tradizione jazzistica fa parte della quotidianità della gente, ci tiene a tramandarne le radici filologiche.

Inoltre l'idea base della sua filosofia, che tiene a trasmettere a tutta l'Orchestra, è che la cultura del posto dove si suona sia venga assimilata, determini la scelta del repertorio e in qualche modo influenzi il percorso artistico dei musicisti.

Nonostante non si siano sentiti brani italiani durante il concerto, Mr Marsalis ci tiene a dire che la cultura italiana ha fortemente contribuito alla nascita e allo sviluppo del jazz. Il concerto della LCJO si apre con i ringraziamenti a pubblico ed organizzatori del sassofonista Walter Blanding Jr., in un affascinante e inclinato italiano.

Un organico di 15 elementi, 4 trombe, 3 tromboni, 5 sax e ritmica è elegantemente vestito in tailleur grigio e cravatta giallo oro: Winton Marsalis, Sean Jones,Ryan Kisor, Marcus Printup alle trombe, Vincent R. Gardner, Elliot Mason e Chris Crenshaw ai tromboni, Sherman Irby, Ted Nash, Walter Blanding Jr., Victor Goines e Joe Temperley ai Sax e clarinetti, Dan Nimmer al piano, Carlos Henriquez al contrabbasso e Ali Jackson alla batteria.

Winton Marsalis, seduto nell'ultima fila, presenta, dirige e a sua volta sostiene i solisti, dimostrando di aver portato l'orchestra ad una compattezza e forza ritmica degna delle Orchestre di Count Basie o di Duke Ellington, suoi predecessori più volte citati durante la serata sia negli assoli che nelle composizioni.

Swing da vendere.

Il repertorio spazia dal brano "Pollock", ritratto del pittore americano ideatore dell'Action Painting, scritto e arrangiato da un'incredibile Ted Nash a "Counterblocking", composizione di Thad Jones scritta e arrangiata per l'orchestra di Count Basie. Da "Light blue" e "Bye ya" di Thelonious Monk a "Peace" di Horace Silver.

Inoltre un arrangiamento di Fletcher Anderson del "Bolero" di Maurice Ravel.

Il concerto si conclude con due blues fra cui "The Sanctified blues", dove l'anima di New Orleans e delle Brass band emerge prepotentemente.

A questo punto Marsalis congeda l'Orchestra e ringrazia il pubblico con un fiero "We Are The Jazz at Lincoln Center", degno di un Young Lion diventato "Big".

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.