Weekend La Spezia Mercoledì 16 aprile 2008

L'arte del camminare alla Spezia

Genova - Tre giorni per riflettere sul senso del camminare, tre giorni per riappropriarsi dei nostri sentieri, interiori ma anche visibili e percorribili fisicamente.
L’evento, dal titolo L'orizzonte nei piedi. Vedere sapere capire camminando, nasce dall’esigenza di valorizzare un grande tesoro naturalistico e paesaggistico del nostro territorio: l’Alta Via del Golfo, percorso che nasce a Portovenere per arrivare fino a Bocca di Magra, correndo sul crinale o a mezza costa delle colline del Golfo. È un percorso ad alto livello escursionistico, paesaggistico e culturale. In questo scenario si inseriscono anche antiche vie pedonali e le scalinate del Comune della Spezia.

Il programma della tre giorni avrà inizio venerdì 18 aprile 2008, alle 20.00, con il meeting dei soci del Panathlon, per entrare poi nel vivo sabato 19, sin dalla mattina, come i veri camminatori, con l'incontro alle 9.30 in Sala Dante: introduce i lavori il sindaco della Spezia Massimo Federici. Poi, la parola andrà agli affabulatori: dal premio Strega Maurizio Maggiani all'antropologo docente all'università di Perth David Bellatalla. Il pubblico potrà poi arricchirsi del punto di vista dell'estroso "artista camminante" Hamish Fulton, e del sociologo dell'università di Strasburgo David Le Breton.
Gran finale domenica 20, con simbolica salita a piedi (su prenotazione, 335 5200861) al faro dell'Isola del Tino, aperto per l'occasione, con pic-nic all'aria aperta in compagnia dei soliti protagonisti.

Il primo a segnare l’Alta Via del Golfo è stato Giovanni Spinato, esponente storico del Panathlon spezzino: spinto dalla sua passione per il camminare, ha meticolosamente redatto una vera e propria guida del percorso e di tutte le sue innumerevoli diramazioni. Sentiero per sentiero, Spinato ha ricostruito al fittissima ragnatela di strade che compone l’Alta Via del Golfo. Quell’alta Via del Golfo che oggi è al centro anche del lavoro di valorizzazione dei sentieri promosso dal Comune della Spezia con il progetto l'Arco e le frecce.
Di qui la scelta del Comune capoluogo di essere partner del Panathlon e del CAI in questa iniziativa che si propone di diventare un vero e proprio appuntamento annuale dedicato al camminare e ai camminatori. La qualità di questa prima edizione, infatti, costituisce un promettente viatico per proseguire l’esperienza nei prossimi anni e farla diventare un vero e proprio punto di riferimento a livello internazionale.

L'evento è organizzato dal Panathlon club della Spezia e curato da Giorgio Bendinelli, dal Comune della Spezia e dal CAI, con il patrocinio di Regione Liguria, Provincia della Spezia, dei Comuni di Ameglia, Arcola, Lerici, Portovenere, Vezzano Ligure, dell’Ente Parco Montemarcello Magra e del Parco Nazionale delle Cinque Terre.

I protagonisti

Hamish Fulton è un artista contemporaneo inglese, che ha mosso i suoi primi passi nel mondo dell’arte negli anni Settanta, un periodo che ereditava le polemiche del decennio precedente contro la mercificazione dell’arte-oggetto (e degli oggetti artistici) contrapponendovi forme d’arte più effimere e dal valore letteralmente “incalcolabile”: gli happening, la land art, la body art, l’arte povera, fino alle “lezioni” sulla progettualità artistica di Josef Beuys.
L’arte di Fulton è il “viaggio” a piedi soprattutto (e a piedi nudi talora) anche per città, ma soprattutto per sconfinati paesaggi naturali: attraverso luoghi semidesertici e lande coperte dalla neve, tra monti e vallate dove non si scorge presenza umana. Egli si autoproclama Walking Artist ed il suo camminare è un modo di vivere che diventa arte; un’esperienza solitaria, come dovrebbe essere ogni viaggio: di ricerca, di scoperta.

David Bellatalla è nato alla Spezia nel 1962. Antropologo, docente presso la University of Western Australia di Perth, è membro e ricercatore per l’Accademia delle Scienze della Mongolia. Ha pubblicato numerosi libri e realizzato documentari etnografici.

David Le Breton, scrittore e insegnante di Sociologia e Antropologia alla Facoltà di Scienze sociali dell’Università di Strasburgo e membro dell’Institut Universitaire de France. Sul tema della marcia è l'autore in italiano di Il mondo a piedi. Elogio della marcia e di molti altri libri.

Maurizio Maggiani è un giornalista e scrittore italiano. Nel 1987 ha vinto il Premio "Inedito - L'Espresso" con il racconto Prontuario per la donna senza cuore. Con Il Coraggio del pettirosso (1995) ha poi vinto il Premio Viareggio e il Premio Campiello; con La Regina disadorna (1998) ha vinto il Premio Alassio e il Premio Stresa di narrativa nel 1999. Nel 2005 ha vinto, con il romanzo Il viaggiatore notturno, i premi Ernest Hemingway e Parco della Maiella e il Premio Strega.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film